Il Mistero...Majorana

Andare in basso

Il Mistero...Majorana Empty Il Mistero...Majorana

Messaggio Da Cantastorie il Gio 20 Mag 2010, 18:46

ETTORE MAjORANA

Il Mistero...Majorana Majorana
Fuga Volontaria?
Suicidio?
Omicidio?

E se Fuggì....perchè lo fece?....e dove andò? E qualcuno lo seppe e non parlo'?
Fu per un fatto personale o perchè si volle tirar fuori dagli usi militari delle scoperte di fisica nucleare cui aveva attivamente partecipato?......[/b]
..... ...... .......


Sarà perchè era catanese e conosco piu' persone che hanno il suo cognome, ma se penso ad un mistero non solo irrisolto, ma irrisolvibile....è il primo che mi viene in mente.

http://www.luoghimisteriosi.com/eventi/majorana.html
Giovane promessa della fisica italiana e ricco di anticipatrici intuizioni scientifiche , il prof. Ettore Majorana scomparve senza lasciar traccia il 26 marzo 1938 dopo essersi imbarcato sul traghetto Napoli Palermo.
Lo stesso Mussolini ordinò indagini minuziose e ma stranamente la Polizia lasciò cadere abbastanza presto il caso. Perché?

Majorana nacque a Catania nel 1906 . Seguì gli studi classici e conseguì la licenza liceale nel 1923. Frequentò la facoltà di ingegneria a Roma. Quasi completato l'ultimo anno, probabilmente dopo un colloquio con Fermi e Segrè, chiese e ottenne il passaggio alla facoltà di Fisica dove si laureò in Fisica Teorica.
Frequentò quindi liberamente l'Istituto di via Panisperna dove operava il gruppo di Fermi meglio conosciuto come "i ragazzi di via Panisperna"e dove "gareggiava con Fermi al regolo e lui a memoria nella soluzione di complesse equazioni.
Fu lo stesso Fermi a dire di Lui che nella scala delle categorie di scienziati (secondo e terzo rango: volonterosi ma di routine, primo rango: con grandi scoperte, quindi geni: come Galileo e Newton) Majorana era un genio.

Prima di Heisenberg elaborò la teoria del nucleo fatto di protoni ma senza pubblicarla provocando il disappunto del gruppo di via Panisperna quando Heisenberg lo fece. Al contrario egli non si rammaricò ma provò ammirazione e stranamente quasi gratitudine per il fisico tedesco quasi lo avesse sollevato da un peso per lui insopportabile.
Che fosse in qualche misura "strano" il carattere di Majorana lo avevano affermato non solo i suoi amici ma un poco tutti coloro che lo avevano conosciuto. Sovente pensieroso, molto timido, chiuso in se stesso sembrava dotato di una straordinaria intuizione tale da fargli comprendere con largo anticipo, per esempio, che la scoperta di Fermi riguardava la fissione dell'atomo e le voragini che potevano spalancarsi di fronte ad essa.
Un fisico filosofo dunque ? Più attento alle conseguenze delle scoperte che non ai privilegi che ne potevano derivare?
Majorana nel 1933 va a Lipsia, incontra Heisenberg e questo fatto sembra segnare la sua vita in qualche misura come scrive alla madre.
Con Heisenberg collabora per alcuni mesi con soddisfazione e merito, come riconosciuto anche da l fisico americano Feenberg allora ospite anch'esso dell'Istituto di fisica di Lipsia.
I rapporti sono cordiali a tal punto che cessa di essere scontroso e chiuso e chiacchiera cordialmente , ma solo con lui!
Heisenberg é forse un fisico filosofo come Majorana? Li unisce una stessa sensibilità sulle derive delle scoperte di fisica nucleare? Difficile dirlo. L'anno in cui Majorana va a Lipsia é un anno particolare per la Germania e per il mondo intero e Heisenberg é l'unico in grado di compiere il percorso per fabbricare la bomba atomica per Hitler.
Al ritorno da Lipsia, nell'agosto del 33, Majorana non frequenta quasi più il laboratorio di via Panisperna e anzi per quattro anni , sino al 1937 , vive da uomo solo uscendo raramente di casa.
Nel 1937 Majorana pubblica una "teoria simmetrica dell'elettrone e positrone" che non trova sbocchi se non vent'anni dopo.
I colleghi di via Panisperna, Fermi escluso, che erano andati a trovarlo avevano la certezza che lavorasse scrivendo molte ore al giorno , ma a cosa se in quattro anni di pubblicato rimane solo questa teoria e di tutte le carte scritte rimangono pochi elaboratii?
Secondo una testimonianza della sorella Majorana visse quegli anni come un uomo spaventato. Da cosa o da chi ?
Ma Majorana decide di voler rientrare nella vita civile ed accademica quando, senza consultare nessuno, si candida alla cattedra di Fisica Teorica, sconvolgendo i piani della commissione di nomina di cui faceva parte Fermi ma soprattutto di Giovanni gentile, filosofo e Ministro dell'educazione nazionale. Della terna di candidati "probabili vincenti" faceva parte il figlio Giovannino Gentile. La candidatura di Majorana lo avrebbe certamente spodestato. Fu così che a seguito dell'intervento di Giovanni Gentile Majorana venne nominato alla cattedra di Fisica Teorica di Napoli nel 1938.

La sera del 25 marzo, Majorana partiva col postale Napoli-Palermo elle 22,30 e, secondo una lettera autografa di addio, si sarebbe gettato in mare alle 11,00 di quella stessa sera.Ora in cui cui il piroscafo sarebbe stato ancora nel golfo di Napoli , con le luci del porto e con tutti i passeggeri e i marinai sopracoperta. Ma nessuno lo vide gettarsi in mare.
Mistero nel mistero.
La lettera che annunciava il suicidio, inviata a Carrelli, direttore dell'Istituto di Napoli, fu seguita da un telegramma urgente da Palermo col quale Majorana (?) lo pregava di non tenerne conto.
Il telegramma fu poi seguito da un altra lettera da Palermo ( carta intestata Grand Hotel Sole) e datata 26 marzo con la quale Majorana annunciava a Carrelli la sua intenzione di rinunciare all'insegnamento.
E di lui non si ebbe più traccia sebbene c'é chi giuri o pensi di averlo intravisto.
Rispondendo a un annuncio sulla rubrica "chi l'ha visto" della Domenica del Corriere del 27 luglio, il Superiore della Chiesa detta del Gesù Nuovo a Napoli affermò che negli ultimi giorni di marzo o primi di aprile un giovane dell'apparente età di 31-32 anni che riconosceva nella fotografia di Majorana aveva richiesto di essere ospitato in ritiro per sperimentare la vita religiosa...


http://www.luoghimisteriosi.com/eventi/majorana.html
Cantastorie
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Il Mistero...Majorana Empty Re: Il Mistero...Majorana

Messaggio Da rossadavino il Gio 20 Mag 2010, 19:02

Giops non me l'ha messo tra i più grandi, io l'avevo proposto Il Mistero...Majorana 246514
rossadavino
rossadavino
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 7187
Data d'iscrizione : 06.10.09
Località : Ortona

Torna in alto Andare in basso

Il Mistero...Majorana Empty Re: Il Mistero...Majorana

Messaggio Da Cantastorie il Ven 21 Mag 2010, 19:36

Bon....provo a sbizzarrirmi con le congetture piu' o meno plausibili bah!

Ipotesi A - Majorana s'è suicidato, ed essendo cervellotico escogito' la maniera di farlo senza lasciare di sè traccia fisica.

Ottenuta la cattedra di Fisica teorica a Napoli, Majorana appena trentenne si rende conto che la sola attività accademica non lo soddisfa, non gli basta. Da tempo, da quando era rientrato dal viaggio di studio in Germania, Majorana non rendeva noto ad altri le evoluzioni delle sue cognizioni scientifiche ....E se fosse perchè non voleva che quelle cognizioni cadessero proprio nelle mani piu' invasate?
Siamo alla vigilia del conflitto mondiale e le intenzioni di aggressione tedesca e la possibile disponibilità per quella nazione di un ordigno dai effetti nefasti per tot. centinaia di migliaia di inermi vittime è la causa dominante del suo ritirarsi dalla ricerca attiva condivisa con altri suoi colleghi.
Majorana si convince che presto la Germania totalitaria avrebbe avuto a disposizione quell'arma e presupponendo che una volta finita la guerra, i posteri lo avrebbero incolpato di cor-responsabilità...decide di chiudere con la vita.
Ma decide di farlo non in modo esplicito e inequivocabile: "m'ammazzo a casa, mi trovano e saluti"....proprio per lasciare l'inquetudine, per far intravedere ai posteri che lui resosi conto non sopportò il peso, decide di non lasciare traccia di sè, traccia fisica appunto.

Qual è l'elemento in cui si può sparire senza che il corpo poi possa essere facilmente individuato? Il mare...non vicino ad un porto..ma al largo...E come fare? Da una nave-traghetto passeggeri.
Majorana salì a Napoli su un traghetto per Palermo....nessuno lo vide scendere da quel traghetto. Si getto' in mare per lasciare al mondo un'inquetudine..in quanto non s'ammazzò per un motivo personale o privato, ma per un monito agli uomini di scienza, perchè questi non perdano mai il controllo del loro sapere, ma vigilino.

....
E se invece avesse premeditato di scomparire per vivere "un'altra vita in un altro luogo"?
Cantastorie
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Il Mistero...Majorana Empty Re: Il Mistero...Majorana

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum