Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Cantastorie il Lun 07 Dic 2009, 14:41

legalmente non so quali sono i limiti precisi: parole e musica una volta depositate alla SIAE sono tutelate come diritto di autore.

per quanto riguarda la parte musicale,
ricordo che se il cantante non dichiara che la canzone X è la cover di "", se coincidono come sequenza di note un tot numero di battute di ciò che si canta, si parla di Plagio e l'autore originale può far causa legale..

Per quanto riguarda le parole...non conosco i termini di copia-cambio...cioè in quale caso un testo si considera come originale e non piu' copia-cover di un altro? Quando non riprende nemmeno una singola parola del testo originale? E in quel caso, non dovrebbe valere la regola che si applica a chi traduce la canzone in o da una lingua straniera? Nelle traduzioni c'è la libertà di modificare testo e senso della lingua originale (come abbiamo visto con i casi delle cover in italiano dei beatles) naaaaaaaah!
avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Cantastorie il Lun 07 Dic 2009, 14:42

buscaglione piemontes?? Come Paolino alloraaa WUB che non mi ricordo mai se è di Asti o Cuneo :chedici:
avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Gio 17 Dic 2009, 10:21

ieri un mio amico mi ha parlato bene di un film" cosmonauta" e nella colonna sonora c'è una cover di cuore matto fatto da una band sarda.
mi è sembrata una versione incattivita rispetto a quella di littleT.
mi imbatto in questa cover di un pezzo strafamoso e non pensavo potesse avere una nuova vita diversa da quella storica.. attendo risposte dagli esperti.
emi fido, perchè il mio approccio è molto superficiale.
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da ubik il Gio 17 Dic 2009, 19:33

mambu ha scritto:
Cantastorie ha scritto:si poteva far diversamente il ritornell :rosso34:

m'è venuta in mente quella cover risentendo gioco tromba-voce di prima..

su Resta ccu me (parlo dell'originale..) ci si potrebbe scrivere un altro papello tipo quello su Bindi..
se si pensa che è una canzone di metà anni 50...che ha un testo assolutamiente diverso da quelli delle canzoni del tempo...
e ha una quadratura musicale in Levare..jazzata...

ok la dico intera: per me il cantautorato italiano parte da Vecchio frac e resta ccu mme...

e ho dett tutt sul perchè sono modugnina, uno strione con una vocina saettato da chissà dove nel pianeta de Pizzi e Tajoli e Villa e panzabell... :;p27:


Canta ti amo sei una dei pochi italiani a sapere che vecchio Frack e Resta cu mme vengono prima di volare (anche Miao, ci scommetto)

avatar
ubik
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 7484
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Cantastorie il Ven 18 Dic 2009, 12:48

Video della Cover Cuorematto

X Lepidezza:

Scusami se ho tardato a rispondere, ma prima dovevo ovviamente ascoltare la cover di Cuorematto a cui ti riferisci.
Premetto: Non ho visto il film di cui quella cover è parte della colonna sonora, quindi non so se essa ha un valore aggiunto per il video o per la storia che il film racconta.

Posso dire quel che penso della sola cover ascoltata: una parola? Esercizio Inutile.

Prendere una canzone stranota, che in piu' dipinge un periodo - e Cuorematto quello è - andando a modificare solo gli strumenti musicali - o gli effetti elettronici, non so - non serve a nulla...è un'operazione perfettamente inutile.

Un rifacimento di una canzone nota assume valore artistico - per quanto mi riguarda - se la neo-stesura ne modifica e ribalta l'atmosfera originaria (quella roba che quellil bravi chiamano Pathos-respiro): quel ribaltamento-new avviene per due canali: o si muta l'armonizzazione, introducendo strumenti e sonorità diverse, modificando il tempo musicale - accelerando, rallentando, o si muta l' INTERPRETE_CANTO.

L'esempio della canzone di Cutugno, spogliata e rivestita totalmente da R. Charles, esclusivamente per un UNICA ESIBIZIONE LIVE è esattamente quello che intendo: anche una canzone apparentemente insignificante, banale, con tre accordi in fila, se impastata in suoni e ritmiche totalmente differenti da come l'ha pensata chi l'ha scritta, e se canalizzata da una vocalità che non somiglia a nessun'altra....diventa un gioiello....
proprio come uno scampolo di stoffa diventa un abito magnifico se finisce nelle mani di sarto.stilista di talento.It's uguaglio :sanremo:
........................

X MambUbik: il compitino sugli anni 50 io l'ho chiuso nell'altro topic...

Sul pokerino degli anni Sessanta, ho qualche problema di Affollamento :vacanza:

Cioè:
SO che vorrei un capitolo sul Cantautorato Milaness - Gaber-Jannacci-Svampa......e co
SO che vorrei un capitolo sul Cantautorato Genovese - e i nomi non li faccio
so che vorrei un capitoletto su P. Conte
So che vorrei un capitoletto su certe cantantesse "regionali" ....ossia la Ferri e M.Carta la sarda..
So che vorrei un capitolo sui "complessini" ...ossia i Nomadi, i Giganti, i Ribelli, L'Equipe...insomma quella truppppppalllllà


MA NON SO SCEGLIERNE QUATTRO E BASTA :urlooo:
Quindi mò, voi Veci m'aiutate :urlouomo: sennò fasso sorteggio è stato lui pianto2
avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da chips il Ven 18 Dic 2009, 12:50

De Andre'
avatar
chips
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 2407
Data d'iscrizione : 15.10.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Ven 18 Dic 2009, 12:56

Cantastorie ha scritto:Video della Cover Cuorematto

X Lepidezza:

Scusami se ho tardato a rispondere, ma prima dovevo ovviamente ascoltare la cover di Cuorematto a cui ti riferisci.
Premetto: Non ho visto il film di cui quella cover è parte della colonna sonora, quindi non so se essa ha un valore aggiunto per il video o per la storia che il film racconta.

Posso dire quel che penso della sola cover ascoltata: una parola? Esercizio Inutile.

Prendere una canzone stranota, che in piu' dipinge un periodo - e Cuorematto quello è - andando a modificare solo gli strumenti musicali - o gli effetti elettronici, non so - non serve a nulla...è un'operazione perfettamente inutile.

Un rifacimento di una canzone nota assume valore artistico - per quanto mi riguarda - se la neo-stesura ne modifica e ribalta l'atmosfera originaria (quella roba che quellil bravi chiamano Pathos-respiro): quel ribaltamento-new avviene per due canali: o si muta l'armonizzazione, introducendo strumenti e sonorità diverse, modificando il tempo musicale - accelerando, rallentando, o si muta l' INTERPRETE_CANTO.

L'esempio della canzone di Cutugno, spogliata e rivestita totalmente da R. Charles, esclusivamente per un UNICA ESIBIZIONE LIVE è esattamente quello che intendo: anche una canzone apparentemente insignificante, banale, con tre accordi in fila, se impastata in suoni e ritmiche totalmente differenti da come l'ha pensata chi l'ha scritta, e se canalizzata da una vocalità che non somiglia a nessun'altra....diventa un gioiello....
proprio come uno scampolo di stoffa diventa un abito magnifico se finisce nelle mani di sarto.stilista di talento.It's uguaglio :sanremo:
........................

X MambUbik: il compitino sugli anni 50 io l'ho chiuso nell'altro topic...

Sul pokerino degli anni Sessanta, ho qualche problema di Affollamento :vacanza:

Cioè:
SO che vorrei un capitolo sul Cantautorato Milaness - Gaber-Jannacci-Svampa......e co
SO che vorrei un capitolo sul Cantautorato Genovese - e i nomi non li faccio
so che vorrei un capitoletto su P. Conte
So che vorrei un capitoletto su certe cantantesse "regionali" ....ossia la Ferri e M.Carta la sarda..
So che vorrei un capitolo sui "complessini" ...ossia i Nomadi, i Giganti, i Ribelli, L'Equipe...insomma quella truppppppalllllà


MA NON SO SCEGLIERNE QUATTRO E BASTA :urlooo:
Quindi mò, voi Veci m'aiutate :urlouomo: sennò fasso sorteggio è stato lui pianto2

grazie canta.
io ci vedevo rabbia in questa versione.
molta rabbia nel modo in cui è stata reiterpretata.
il film non l'ho ancora visto.
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Cantastorie il Ven 18 Dic 2009, 13:06

E' la sostituzione di alcuni strumenti mus. nell'arrangiamento che fa quell'effetto frizione...non so ovviamente l'abbinamento canzone-immagini-stato d'animo nel film ....possibilmente là ha un suo senso, ma presa come cover-suono tra questa e la versione originale, l'originale ha un'immediatezza tutta sua...quel bumbumbum iniziale è la firma di quella canzone e rimane impresso...perchè a tutti è capitato che il cuore non senta ragioni :boccacce: quindi quel bumbumbum è sì fisico ma indica anche quello stato d'animo che si ha quando ci si becca un du' di picche amoroso sparo

Che poi magari il film tratti di altro e quel cuorematto abbia un significato piu' rabbioso o che nulla c'entra con interazioni amorose...boh....ma meglio LittleTony come canzon palleggio
avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da miaorizio il Ven 18 Dic 2009, 14:26

mambu ha scritto:
Cantastorie ha scritto:si poteva far diversamente il ritornell :rosso34:

m'è venuta in mente quella cover risentendo gioco tromba-voce di prima..

su Resta ccu me (parlo dell'originale..) ci si potrebbe scrivere un altro papello tipo quello su Bindi..
se si pensa che è una canzone di metà anni 50...che ha un testo assolutamiente diverso da quelli delle canzoni del tempo...
e ha una quadratura musicale in Levare..jazzata...

ok la dico intera: per me il cantautorato italiano parte da Vecchio frac e resta ccu mme...

e ho dett tutt sul perchè sono modugnina, uno strione con una vocina saettato da chissà dove nel pianeta de Pizzi e Tajoli e Villa e panzabell... :;p27:


Canta ti amo sei una dei pochi italiani a sapere che vecchio Frack e Resta cu mme vengono prima di volare (anche Miao, ci scommetto)
Raga vi sto seguendo con attenzione e orecchie aperte.
Dio Come Ti Amo me la ricordo interpretata da Gigliola Cinquetti, che è bravissima ma non sopporto le voci nasali, come Nada.
Non sono un modugnino ma apprezzo la grandezza dell'autore (voi vi ricordate del meglio, io purtroppo ho ancora nelle orecchie Piange Il Telefono). Sono un estimatore del Quartetto Cetra che di cover ne hanno fatte a bismilioni con umorismo, forza interpretativa e tecnica che nemmeno le grandi star americane hanno.
Di cover come ne descrive cantatsorie cosi' a braccio me ne vengono due, dello stesso periodo:
The End dei Doors fatta da Nico prodotta da John Cale
Heartbreak Hotel di Presley fatta da John Cale in Slow Dazzle
Ecco il perfetto esempio di pezzi ultrafamosi completamente smembrati, asciugati di ogni orpello strumentale e di arrangiamento, ricondotti alla loro essenzialità di scrittura e riassemblati aderendo perfettamente alla sensibilità degli interpreti. Manco a dirlo preferisco di gran lunga le cover agli originali: nel caso di Heatbrek Hotel ho scoperto una canzone dalle profondità narrative di alta psicologia, e The End è diventata una vera litania funebre celebrativa metafisica e intensissima.
avatar
miaorizio
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1258
Data d'iscrizione : 01.10.09
Località : Messina

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Ven 18 Dic 2009, 14:34

miao anche io conoscevo la versione della cinquetti in uno di quei film in bianco e nero.
ricordo che la canzone la cantava mentre raggiungeva il auo AMMORE non so dove.
quel tpico finale dove si cambia idea e si realizzano i sentimenti all'ultimo momento prima di prendere un aereo..


avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Cantastorie il Ven 18 Dic 2009, 18:32

Era un'abitudine metà anni '50 tutti '60 sceneggiare le canzoni di successo e farle interpretare dagli stessi cantanti come attori....
Dio come ti amo credo vinse un Sanremo di metà anni 60 - l'anno non ho idea...ma deve esser successivo al Non ho l'età del 1964..
ed era interpretato dall'Autor Modugno e dalla Cinquetti - allora era usuale che la stessa canzone fosse cantata da due cantanti diversi...
A proposito del discorso generico di Prosciugamento-Rivestimento dell'interprete2 sull'interprete originale....da come la penso io quella è l'UNICA strada percorribile per chi da cantante-musicista si vuol confrontare con una canzone già popolare che è appiccicata ad un altro artista. Niente imitazione, niente bissaggio, ma proprio distanziarsi, smontare, trovare un proprio modo, dei suoni propri e piu' scarni-asciutti-evitanti confrontieparagoni si è, piu' ha senso aver fatto una cover anzicchè un inedito...
Un altro aspetto che mi interessa sulle cover, è ricordare come un tempo fosse abituale e consueto lo scambio tra cantanti-autori e cantanti-interpreti...Ci sono numerosi canta-autori che avrebbero senz'altro avuto vita musical-artistica breve come cantanti a sè, se non avessero ceduto alcune delle loro canzoni migliori a interpreti di primo piano - Mina e Vanoni su tutti..

C'è un guadagno reciproco: ci sono canzoni che in precedenza erano passate inosservate e che assorbite da grandi interpreti hanno avuto nuova linfa....così come grandi interpreti, se non hanno come riferimento un gruppo-autori-musicisti validi, corrono il rischio serio di veder vanificare il proprio talento che è proprio quello di appropriarsi di una canzone altrui, dandole un respiro-pathos proprio e identificativo...Fino ad avere un tot numero di canzoni che sono inscindibili da quell'interprete e non perchè l'interprete sia il migliore in assoluto vocalmente, ma perchè se ne appropria in modo indissolubile. Ecco perchè risulta sempre impresa difficile scindere canzone X da cantante Y.....e l'unica per un neo-cantante di appropriarsi di quel repertorio e' proprio riuscire a svestire del tutto il brano e indossarlo come fosse fatto su misura per sè.
..............

Io vorrei inoltre indicare che preferire il tal cantante non significa come nel caso Arrigoni prendersi l'opera omnia come orocolato - in ogni repertorio ci sono le ciofeche che son state scritte e pubblicate per meri motivi di pecunia...e quello è il caso di Piange il telefono
(che io bimba ricordo legata alla campagna antidivorzio o almeno a casa mia la si associava con quei discorsi tipo "modugno canta la tresca con una signora, madre di bimba, possibilmente separata..facendo immaginare che dopo il divorzio ci sarebbero state ciurme di pargoli/e infastiditi al telefono da coloro con cui i genitori trescavano ormai liberi da vincoli matrimoniali dissolti ... )
....................

X Chips - Non potrei scordarmi di Faber manco volendo...però vorrei fare un capitoletto sui genovesi a cavallo tra 50-60: Bindi, Tenco, Lauzi, Paoli, Faber ...e a loro vorrei legare anche Endrigo e P. Conte...
il mio dilemma d'abbondanza è proprio questo: nel decennio sessanta, io ho in mente dei Filoni d'artisti - non un unico - e non so scegliere chi escludere e chi privilegiare..

Per quanto riguarda Mimmone, io ho voluto sottolineare che quell'omo è un crocevia imprescindibile, specie nei primi 10 anni di carriera..e in lui come in altri si mescolano tradizione e innovazione, dialetto e lingua, ritmi musicali classici e moseca nova....ed è quell'aspetto che affascina me....cioè mi incuriosiscono molto meno quei cantanti che hanno una sola vena: io canto solo questo e lo canto per 35 anni..tanto quei 35 affezionados li ho cmq

avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Lun 21 Dic 2009, 15:39





questo brano nasce cantato da valli e in chiave melodico classica anche da bobby darin per esempio per poi raggiungere la notorietà con la disco music e la versione della gaynor e dei boys town gang In Italia persino mina ci mette il cappello, versioni recenti ben riuscite anche negli states con lauren hill etc.
il brano è stato rivisitato però anche da bellamy e i suoi muse dell'alternative rock rispetto invece alla chiave latin della aquino che ha ripreso in questo mood altre hit mondiali,offrendoci di uno stesso brano più interpretazioni.
come procediamo in questo caso?
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Cantastorie il Lun 21 Dic 2009, 17:23

Per quel che è il mio gusto ,
potevano risparmiarsele le Covers (per come percepisco io, non c'è l'operazione svuotamento-riempimento..ma un nècarnenèpesce di già sentito...)...come dire:
non ho cose nuove da indossare e mi aggiusto il vestito di nonna...
E allora io preferisco nonna, almeno è autentica

se voglio la versione melodica vò da Williams
https://www.youtube.com/watch?v=NHWcvHYDmkY
e se voglio quella discomusic vò da mamma Gaynor....
https://www.youtube.com/watch?v=7L0R9cOysKA
avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Lun 21 Dic 2009, 17:30

in realtà la gaynor riprende i boys town gang anni dopo.

e la aquino ne fa una versione bossa nova inedita e delicata.
non trovi una chiave assolutamente nuova?
(per inciso quella dei muse a me non piace.perchè sembra ancora vicina alla versione ma stride perchè non è completamente rinata a nuova vita)
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da killer73 il Lun 21 Dic 2009, 17:56

per me le cover lasciano il tempo che trovano. il piu delle volte escono obbrobri rispetto all originale.se devo ascoltarle allora mi dirigo su quelle a presa di culo,tipo quelle di jancovic per m.jackson,oppure quelle di una band metal che coverizza la spears a modo loro.ma il rifacimento quasi totale di una canzone non ha senso,allora preferisco l originale.

_________________________________






"...Sono un uomo che cammina solo".(Iron Maiden)

"Se i giovani si organizzano,si impadroniscono di ogni ramo del sapere e lottano con i lavoratori e gli oppressi,non c'e' scampo per un vecchio ordine fondato sul privilegio e sull'ingiustizia". (Enrico Berlinguer)



"meglio essere un ubriacone famoso che un alcolista anonimo".
avatar
killer73
Metallo Pensante
Metallo Pensante

Messaggi : 3036
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : versilia

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Lun 21 Dic 2009, 18:01

killer pensa alleluyah di cohen rifatta da buckley
o summertime di ella e sachmo..
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Cantastorie il Lun 21 Dic 2009, 18:06

Il trio originario della versione discomusic non ha la parte vocale che cattura....e quella della Gaynor ti rimanda direttamente alle atmosfere discomusic....è come Barry White al maschile...ossia sono voci che identificano un genere..
è per questo che tra quelle due versione, sento piu' quella di Glorietta come autentica..

....
La seconda, non so dirti esattamente, ma mi sembra un esperimento, senza che si sia andati fino in fondo...un nècarnenèpesce...

La terza bossanovara si, ma non si distanzia totalmente dalla versione melodica di partenza - quella anni60, anche quello finisce per essere un esperimento, ossia una viadimezzo che non arriva fino in fondo ad appropriarsi della canzone...

ovviamente, ribadisco, questo è il mio modo di sentire...nulla di universale o generalizzabile amici
avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Lun 21 Dic 2009, 18:45

avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da ubik il Lun 21 Dic 2009, 19:11



call me

avatar
ubik
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 7484
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Lun 21 Dic 2009, 19:18

uè!
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Mar 05 Gen 2010, 11:32






ci proviamo?
brassens
de andrè
e tiziano ferro
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Gaufre il Mer 06 Gen 2010, 01:12





la versione originale di Nick Cave & the Bad Seeds:
https://www.youtube.com/watch?v=WFdUTM4gU-o

è
molto difficile eseguire degnamente una cover di una canzone di Nick
Cave ... Johnny Cash, contrariamente ad altri (vedi i Metallica con
Loverman) ci riesce perfettamente, in maniera eccellente e del tutto
personale. Ha anche ricantato altre canzoni celebri come Personal Jesus
dei Depeche Mode in maniera egregia.
avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Cantastorie il Mer 06 Gen 2010, 16:48

Torno su "le passanti" ...versioni suggerite da Lepidezz ....
Le due versioni di Brassens e di De Andrè sono praticamente contemporanee...entrambe dei primi anni settanta...
la versione originale è di Brassens e il suo testo è una poesia di un poeta francese A. Paul ...ripresa fedelmente dal cantautore francese, che riprendendo i temi trattati nella canzone, costruisce intorno ad essa una melodia di rimpianto, di malinconia, di nostalgia, di ricordo..anche nelle note musicali..

De Andrè ...come altre volte quando ha tradotto in italiano testi di canzoni di Brassens, non si limita a farne una traduzione letterale, ma se possibile rafforza il tema di fondo....
che in questo caso è quello delle assenze, degli incontri non colti, e in fondo di tutto cio' che non si è vissuto, avendo scelto altri e altro.

Nelle canzoni in cui il testo ha preminenza sulla musica ( è una strofa-ritornello che si ripete ...come una filastrocca e questo aiuta a far concentrare l'attenzione di chi ascolta sulle parole rispetto al tema musicale che Volontariamente è ripetitivo) il segreto-successo della canzone sta nella magia-affabulazione che la voce cantante sa creare....e in questo, spiacente ..ma i toni profondi di Faber lasciano il segno..ossia rendono il testo cantato indelebile...indissolubile da quella vocalità. Dopo l'incontro-sonoro con la Pfm, De Andrè perderà questa preminenza del suono-voce rispetto alla musica-base e prenderà strade sonore diverse e proficue anche quelle..

Ferro? Non si può essere poetici (dare senso alle parole che si cantano) se si mantengono i toni vocali monocorde come quelli emessi dal robottino delle segr telefoniche o dei bancomat..
meglio limitarsi a "raffaella canta...e perrrrrdersi i perrrrrrrrrdoni".

per un confronto-analisi del testo delle passanti ...franco-italiano..
http://www.nakataimpastato.com/inner/fda/fda/inside/french/pages/passanti.htm
avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Gio 07 Gen 2010, 08:16

Gaufre ha scritto:



la versione originale di Nick Cave & the Bad Seeds:
https://www.youtube.com/watch?v=WFdUTM4gU-o

è
molto difficile eseguire degnamente una cover di una canzone di Nick
Cave ... Johnny Cash, contrariamente ad altri (vedi i Metallica con
Loverman) ci riesce perfettamente, in maniera eccellente e del tutto
personale. Ha anche ricantato altre canzoni celebri come Personal Jesus
dei Depeche Mode in maniera egregia
.

vero!
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da lepidezza il Gio 07 Gen 2010, 08:19

Cantastorie ha scritto:Torno su "le passanti" ...versioni suggerite da Lepidezz ....
Le due versioni di Brassens e di De Andrè sono praticamente contemporanee...entrambe dei primi anni settanta...
la versione originale è di Brassens e il suo testo è una poesia di un poeta francese A. Paul ...ripresa fedelmente dal cantautore francese, che riprendendo i temi trattati nella canzone, costruisce intorno ad essa una melodia di rimpianto, di malinconia, di nostalgia, di ricordo..anche nelle note musicali..

De Andrè ...come altre volte quando ha tradotto in italiano testi di canzoni di Brassens, non si limita a farne una traduzione letterale, ma se possibile rafforza il tema di fondo....
che in questo caso è quello delle assenze, degli incontri non colti, e in fondo di tutto cio' che non si è vissuto, avendo scelto altri e altro.

Nelle canzoni in cui il testo ha preminenza sulla musica ( è una strofa-ritornello che si ripete ...come una filastrocca e questo aiuta a far concentrare l'attenzione di chi ascolta sulle parole rispetto al tema musicale che Volontariamente è ripetitivo) il segreto-successo della canzone sta nella magia-affabulazione che la voce cantante sa creare....e in questo, spiacente ..ma i toni profondi di Faber lasciano il segno..ossia rendono il testo cantato indelebile...indissolubile da quella vocalità. Dopo l'incontro-sonoro con la Pfm, De Andrè perderà questa preminenza del suono-voce rispetto alla musica-base e prenderà strade sonore diverse e proficue anche quelle..

Ferro? Non si può essere poetici (dare senso alle parole che si cantano) se si mantengono i toni vocali monocorde come quelli emessi dal robottino delle segr telefoniche o dei bancomat..
meglio limitarsi a "raffaella canta...e perrrrrdersi i perrrrrrrrrdoni".

per un confronto-analisi del testo delle passanti ...franco-italiano..
http://www.nakataimpastato.com/inner/fda/fda/inside/french/pages/passanti.htm
grazie canta!
io in realtà ho faticato a distinguere i timbri.
ma è pur vero che non ho un orecchio raffinato.
non ho capito però cosa intendi quando dici:

Dopo l'incontro-sonoro con la Pfm, De Andrè perderà questa preminenza
del suono-voce rispetto alla musica-base e prenderà strade sonore
diverse e proficue anche quelle..
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Cosa vuol dire Imbattersi in una Cover

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum