G.A.S.Fo.M.

Pagina 1 di 40 1, 2, 3 ... 20 ... 40  Seguente

Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da Gaufre il Mer 16 Mar 2011, 13:59

violablu ha scritto:1908 Terremoto a Messina e Reggio Calabria
Il nostro tsunami
Poco prima dell'alba del 28 dicembre, una scossa catastrofica dell'11°
grado Mercalli, seguita da onde alte fino a dieci metri,
investe i due versanti dello Stretto, seminando distruzione e morte
G.A.S.Fo.M. CorpiEstrattiDalleMacerie_0000569792
http://cinquantamila.corriere.it/storyTellerGiorno.php?day=28&month=12&year=1908
Viola, non essere pessimista: vedrai che col ponte sullo stretto si sistema tutto! G.A.S.Fo.M. 151483
Gaufre
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Mer 16 Mar 2011, 14:04

la centrale la metterei sull'Etna oppure sul ponte direttamente. così almeno abbaimo anche gli effetti speciali.
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da Gaufre il Mer 16 Mar 2011, 14:06

sophia ha scritto:la centrale la metterei sull'Etna oppure sul ponte direttamente. così almeno abbaimo anche gli effetti speciali.
Vedi il lato positivo: per una volta non parlerebbero di noi a causa delle troie di B. G.A.S.Fo.M. 46500
Gaufre
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da rossadavino il Mer 16 Mar 2011, 14:25

se quella notte Alberto Fermi e Ida de Gattis si fossero divertiti con qualche altra pratica erotica non procreatrice............non era meglio?


..........dimentichi Ettore Maiorana, che non si è mai saputo che fine

ha fatto, morto suicida o vivere sotto un'altra idendità...........
rossadavino
rossadavino
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 7187
Data d'iscrizione : 06.10.09
Località : Ortona

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da Ospite il Mer 16 Mar 2011, 14:42

Prescrizione in regalo per Silvio

Hanno fatto i buonisti per finta. Mentre propagandavano la riforma della giustizia per tutti, nel frattempo gli uomini del Cavaliere cucivano la prescrizione breve per il Capo. Per chiudere d’un botto i processi Mills e Mediaset. Per evitare, nel primo caso, una condanna certa per corruzione che avrebbe fatto il giro del mondo. Si chiamerà prescrizionbe breve per gli incensurati. E già la propagandano come un premio per chi non delinque. Risponde l’avvocato-deputato Maurizio Paniz, in Transatlantico, a chi gli chiede se in effetti nel processo breve entrerà a pieno titolo anche questa nuova ghigliottina per i dibattimenti in corso: «Non escludo assolutamente nulla. Io personalmente sono favorevole. É ora di premiare le persone incensurate e punire più serenamente i recidivi. Sarebbe giusto introdurre nel nostro ordinamento questo principio».

L’avevamo già scritto in questo blog, questo tipo di prescrizione è un super premio, è una sinecura, è un invito per tuti a delinquere. L’imputato, grazie a questo meccanismo diabolico, risulterà incensurato all’infinito. E non regge il paragone con i recidivi, i quali, dopo la legge Cirielli del 2005, vengono penalizzati con una prescrizione più lunga. Lì si aggrava un comportamento delittuoso. Ma all’opposto, qui, cosa si premia? Il fatto di aver commesso un solo reato? E dov’è mai scritto che non commettere o coimmettere solo un reato è un indizio positivo che deve essere pure premiato? Non delinquere non è forse la regola basica che tutti dovrebbero seguire?

Ma questa è la logica di casa Berlusconi. Per una settimana l’opinione pubblica viene martellata dalle promesse di una riforma «epocale» della giustizia. E poi che ti arriva di veramente «epocale»? La prescrizione per buttare al macero i processi di Silvio. Inutile illudersi, il Cavaliere non cambierà mai.

http://milella.blogautore.repubblica.it/2011/03/16/prescrizione-in-regalo-per-silvio/?ref=HRBP-4



In grassetto l'ennesimo esempio di come si usi l'arte oratoria per girare la frittata e nascondere la verità: premiamo gli incensurati. Ovviamente tutti....vabbè anche il sig. B. ....ma adesso non vorremmo mica impedirci di fare una legge valida, di supremo interesse nazionale, che interessa tutti solo perchè si salverebbe il c.lo il sig. B. ?

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da bilquis il Mer 16 Mar 2011, 15:56

G.A.S.Fo.M. Italia
bilquis
bilquis
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 2914
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Sixth Saint John

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da rossadavino il Mer 16 Mar 2011, 16:02

Stavolta non ha chiamato nessuno

Mercoledì 16 Marzo 2011 12:20 Redazione Sconfini Attualità - Cronaca


incredibile, ma è successo davvero! Kathryn Emily Andrews, una ragazza inglese di 25 anni è stata arrestata per ubriachezza molesta a Milano. "Sono la figlia del ministro inglese" si è difesa con gli agenti accorsi per portarla in Questura.



Scusa vecchia ormai, devono aver pensato i due uomini in divisa. Ci hanno fatto una risata su e poi l'hanno accompagnata per gli accertamenti del caso. Controllando la sua patente e contattando l'ambasciata inglese gli increduli funzionari hanno potuto verificare che Kathryn era veramente la figlia del ministro inglese!
Per qualche minuto si attende la telefonata di qualche puttaniere, qualche corruttore, qualche evasore che scagioni la ragazza e la affidi nelle mani di qualche pappone o qualche mignotta. Invece niente. Accertata l'identità la 25enne è stata denunciata per minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire documenti e ubriachezza.
La giovane è stata rimpatriata dopo essere stata accompagnata da un funzionario del Consolato britannico all'ambasciata inglese. Perché è così che ci si comporta in questi casi. Questura-Accertamenti-Denuncia-Ambasciata-Rimpatrio e non Questura-Telefonata-Igienista Dentale-Mignotta-Bunga Bunga. Altrimenti la regina ci avrebbe bombardato, no?
rossadavino
rossadavino
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 7187
Data d'iscrizione : 06.10.09
Località : Ortona

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da violablu il Mer 16 Mar 2011, 17:01

"L'epocale riforma della giustizia non esiste. Allo stato è pura propaganda. Non c'è nessun testo presentato ad alcuna Commissione competente in nessuno dei due rami del Parlamento.
Si tratta soltanto di una gigantesca operazione mediatica, volta ad intimidire la magistratura alla vigilia dei processi a carico del premier. Ciò che muove il ministro della giustizia, e la maggioranza tutta, è l'obiettivo di assecondare Berlusconi nel gioco al massacro della magistratura agli occhi dell'opinione pubblica. Ci sorprende come nessuno dell'opposizione faccia una elementare operazione di verità, svelando l'ennesimo bluff di Berlusconi, che ha un unico bisogno: continuare a galleggiare per risolvere i suoi problemi". E' quanto afferma Orazio Licandro, della segreteria nazionale del PdCI-Federazione della sinistra.
http://www.comunisti-italiani.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=7406&mode=thread&order=0&thold=0

violablu
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1827
Data d'iscrizione : 07.10.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Mer 16 Mar 2011, 19:47

http://www.net1news.org/wikileaks-il-giappone-sapeva-dei-rischi-nucleari-dal-2008.html

estratto....sui rischi delle centrali nucleari giapponesi ci sono anche le dichiarazioni di un deputato nipponico Taro Kono, che accusa il governo di Tokyo di aver insabbiato alcuni incidenti e di nascondere al pubblico costi e rischi dell'industria nucleare nipponica.
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Mer 16 Mar 2011, 19:50

http://www.repubblica.it/ambiente/2009/11/29/news/rubbia_lerrore_nucleare_il_futuro_e_nel_sole-1819909/
ENERGIA
Rubbia: "L'errore nucleare
Il futuro è nel sole"
Parla il Nobel per la Fisica: "Inutile insistere su una tecnologia che crea solo problemi e ha bisogno di troppo tempo per dare risultati". La strada da percorrere? "Quella del solare termodinamico. Spagna, Germania e Usa l'hanno capito. E noi..." di ELENA DUSI
Carlo Rubbia
ROMA - Come Scilla e Cariddi, sia il nucleare che i combustibili fossili rischiano di spedire sugli scogli la nave del nostro sviluppo. Per risolvere il problema dell'energia, secondo il premio Nobel Carlo Rubbia, bisogna rivoluzionare completamente la rotta. "In che modo? Tagliando il nodo gordiano e iniziando a guardare in una direzione diversa. Perché da un lato, con i combustibili fossili, abbiamo i problemi ambientali che minacciano di farci gran brutti scherzi. E dall'altro, se guardiamo al nucleare, ci accorgiamo che siamo di fronte alle stesse difficoltà irrisolte di un quarto di secolo fa. La strada promettente è piuttosto il solare, che sta crescendo al ritmo del 40% ogni anno nel mondo e dimostra di saper superare gli ostacoli tecnici che gli capitano davanti. Ovviamente non parlo dell'Italia. I paesi in cui si concentrano i progressi sono altri: Spagna, Cile, Messico, Cina, India Germania. Stati Uniti".

La vena di amarezza che ha nella voce Carlo Rubbia quando parla dell'Italia non è casuale. Gli studi di fisica al Cern di Ginevra e gli incarichi di consulenza in campo energetico in Spagna, Germania, presso Nazioni unite e Comunità europea lo hanno allontanato dal nostro paese. Ma in questi giorni il premio Nobel è a Roma, dove ha tenuto un'affollatissima conferenza su materia ed energia oscura nella mostra "Astri e Particelle", allestita al Palazzo delle Esposizioni da Infn, Inaf e Asi.

Un'esibizione scientifica che in un mese ha già raccolto 34mila visitatori. Accanto all'energia oscura che domina nell'universo, c'è l'energia che è sempre più carente sul nostro pianeta. Il governo italiano ha deciso di imboccare di nuovo la strada del nucleare.

Cosa ne pensa?
"Si sa dove costruire gli impianti? Come smaltire le scorie? Si è consapevoli del fatto che per realizzare una centrale occorrono almeno dieci anni? Ci si rende conto che quattro o otto centrali sono come una rondine in primavera e non risolvono il problema, perché la Francia per esempio va avanti con più di cinquanta impianti? E che gli stessi francesi stanno rivedendo i loro programmi sulla tecnologia delle centrali Epr, tanto che si preferisce ristrutturare i reattori vecchi piuttosto che costruirne di nuovi? Se non c'è risposta a queste domande, diventa difficile anche solo discutere del nucleare italiano".

Lei è il padre degli impianti a energia solare termodinamica. A Priolo, vicino Siracusa, c'è la prima centrale in via di realizzazione. Questa non è una buona notizia?
"Sì, ma non dimentichiamo che quella tecnologia, sviluppata quando ero alla guida dell'Enea, a Priolo sarà in grado di produrre 4 megawatt di energia, 1 mentre la Spagna ha già in via di realizzazione impianti per 14mila megawatt e si è dimostrata capace di avviare una grossa centrale solare nell'arco di 18 mesi. Tutto questo mentre noi passiamo il tempo a ipotizzare reattori nucleari che avranno bisogno di un decennio di lavori. Dei passi avanti nel solare li sta muovendo anche l'amministrazione americana, insieme alle nazioni latino-americane, asiatiche, a Israele e molti paesi arabi. L'unico dubbio ormai non è se l'energia solare si svilupperà, ma se a vincere la gara saranno cinesi o statunitensi".

Anche per il solare non mancano i problemi. Basta che arrivi una nuvola...
"Non con il solare termodinamico, che è capace di accumulare l'energia raccolta durante le ore di sole. La soluzione di sali fusi utilizzata al posto della semplice acqua riesce infatti a raggiungere i 600 gradi e il calore viene rilasciato durante le ore di buio o di nuvole. In fondo, il successo dell'idroelettrico come unica vera fonte rinnovabile è dovuto al fatto che una diga ci permette di ammassare l'energia e regolarne il suo rilascio. Anche gli impianti solari termodinamici - a differenza di pale eoliche e pannelli fotovoltaici - sono in grado di risolvere il problema dell'accumulo".

La costruzione di grandi centrali solari nel deserto ha un futuro?
"Certo, i tedeschi hanno già iniziato a investire grandi capitali nel progetto Desertec. La difficoltà è che per muovere le turbine è necessaria molta acqua. Perfino le centrali nucleari in Europa durante l'estate hanno problemi. E nei paesi desertici reperire acqua a sufficienza è davvero un problema. Ecco perché in Spagna stiamo sviluppando nuovi impianti solari che funzionano come i motori a reazione degli aerei: riscaldando aria compressa. I jet sono ormai macchine affidabili e semplici da costruire. Così diventeranno anche le centrali solari del futuro, se ci sarà la volontà politica di farlo".

(29 novembre 2009
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Mer 16 Mar 2011, 20:02

http://magazine.excite.it/terremoto-giappone-aggiornamenti-centrale-nucleare-fukushima-1-N68185.html
Cresce la paura in Giappone, il disastro nucleare sembra alle porte e nuove scosse stanno facendo tremare la terra, rendendo ancora più difficile gli spostamenti e i soccorsi. La situazione più grave si sta registrando alla centrale atomica di Fukushima 1, dove un nuovo reattore è esploso mentre il numero quattro è andato in fiamme.

I video della centrale atomica di Fukushima 1

Nella giornata gli elicotteri hanno continuato a gettare acqua di mare sull'edifico per evitare la fusione nucleare, ma il livello di radioattività è aumentato improvvisamente, costringendo i piloti dei canader a fare marcia indietro. La Polizia Nazionale è ricorsa ad mega-idrante montato su un camion, in grado di sparare tonnellate di acqua in breve tempo. Si cercherà così di raffreddare il reattore numero quattro.

sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Mer 16 Mar 2011, 20:09

intanto noi:
ROMA - Mentre la paura di una catastrofe nucleare in Giappone sta facendo tremare tutti i maggiori Paesi del mondo, in cui si inizia a discutere dell'opportunità di abbandonare le centrali atomiche per affidarsi alle energie rinnovabili, in Italia la maggioranza ha dato parere favorevole nelle Commissioni Attività produttive e Ambiente della Camera e in quella Ambiente del Senato, allo schema di decreto legislativo per la localizzazione dei siti e la costruzione delle centrali atomiche. La proposta di parere è stata votata alla Camera dalla maggioranza, da Fli, dall'Udc, con l'astensione però di Savino Pezzotta, mentre il Pd è uscito dall'aula della commissione e non ha votato e l'Idv ha votato contro. La commissione Ambiente del Senato ha approvato con il voto a favore di Pdl e Lega. Il Pd si è detto «contrario» al decreto, oltre che contrario alla scelta di «ritorno al nucleare del governo». A differenza della Camera, dove le due commissioni (Ambiente e Attività produttive) hanno lavorato riunite, a Palazzo Madama l'esame del provvedimento è avvenuto con un iter separato. Anche se alcuni senatori hanno fatto presente di aver avanzato alla presidenza del Senato la richiesta di lavorare congiuntamente all'altra commissione. La delega al governo scade il 23 marzo. Il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Stefano Saglia, ha riferito che è previsto che il decreto mercoledì prossimo torni al Consiglio dei ministri per l'approvazione finale.

Nel parere votato dalle Commissioni alla Camera si evidenziano alcune condizioni volte, prevalentemente, ad assicurare maggiori previsioni per la sicurezza. «I criteri tecnici per la localizzazione degli impianti nucleari e del Parco tecnologico, in linea con le migliori pratiche internazionali sono volte ad assicurare adeguati livelli di sicurezza a tutela della salute della popolazione e protezione del'ambiente, oltre quanto previsto dalle vigenti disposizioni in materia» si legge nel parere che prevede di sostituire il comma 1 dell'articolo 8 istituendo procedure distinte per la definizione di uno «schema di parametri esplicativi dei criteri tecnici» sia per la localizzazione degli impianti nucleari sia per quella del Parco Tecnologico. I titolari delle autorizzazioni, «sotto la supervisione dell'Agenzia» nucleare, sono inoltre obbligati a valutare «periodicamente e a migliorare costantemente» la sicurezza dell'impianto, garantendo sistemi di gestione «che attribuiscano la dovuta priorità alla sicurezza nucleare, alla prevenzione di incidenti e alla mitigazione delle relative conseguenze» anche con «idonee barriere fisiche» e procedure amministrative di protezione«. Particolare attenzione è inoltre riservata alla gestione dei rifiuti radioattivi da parte dei titolari di autorizzazione »per tutta la durata della vita dell'impianto«. Il parere indica inoltre la necessità che nelle regioni in cui verranno realizzati i parchi tecnologici , la Sogin debba avviare campagne di informazione diffusa sulla popolazione dando le necessarie notizie sul Deposito Nazionale, sulla sicurezza ma anche »sulle ricadute socio-economiche, culturali e di sviluppo del territorio connesse alla realizzazione del Parco e ai benefici economici previsti«.

DALL'UMBRIA CORO DI NO «L'Umbria nel suo piano energetico non contempla l'opzione nucleare, e anzi difenderà le prerogative costituzionali attribuite alla Regione in tema di scelte energetiche». Parola della presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini che ad ADNKRONOS ha detto anche che «L'Umbria non è nemmeno disponibile ad accettare scelte che non sono autonome». Nessun varco dunque, come già ampliamente anticipato in campagna elettorale dalla presidente della Regione alle energie nucleari. E mentre in Giappone si rischia l'apocalisse nucleare, in Italia, come nel resto d'Europa si infiamma il dibattito. E in ogni regione si discute: «L'Umbria è una regione quasi autosufficiente dal punto di vista energetico - ha spiegato ancora la presidente della Regione Catiuscia Marini- sta sviluppando tutta una serie di energie rinnovabili e anche recuperando vecchie forme di energia come quelle idrauliche, del fotovoltaico, e con le due centrali a carbone sono più che sufficienti per il fabbisogno della regione». Secondo il deputato Pd Francesco Ferrante, l'Umbria rientrerebbe anche nella lista di siti possibili in cui far nascere una centrale nucleare e stoccare scorie radioattive. In particolare si tratterebbe del territorio amerino narnese al confine con il Lazio. A questo proposito, il sindaco di Narni, Stefano Bigaroni, Pd, ha detto che: « è un argomento di cui non è possibile parlare perchè ufficialmente non esiste nessuna lista di siti ipotetici su cui far sorgere centrali nucleari. Esiste una commissione che deve iniziare a valutare le varie possibilità. Ma secondo me - ha aggiunto - non si può parlare di questo tema razionalmente a così poco tempo dal disastro giapponese. Ci sarebbe bisogno di razionalità. E la razionalità dovrebbe dimostrarla soprattutto il governo, fermandosi per capire meglio, come ha fatto la Germania».

SAGLIA: CENTRALI SOLO IN REGIONI CHE DIRANNO SI' Nelle Regioni che negheranno l'assenso alla localizzazione degli impianti nel loro territorio le centrali nucleari non verranno costruite. Lo ha assicurato il sottosegretario alle Attività produttive, Stefano Saglia. Il sottosegretario ha detto che anche in caso di «escalation dell'emergenza» nucleare in Giappone, sarebbe un errore bloccare il piano del governo di ritorno all'atomo. Saglia è intervenuto dopo che numerosi esponenti del Pd hanno chiesto al governo la «sospensione» del piano alla luce dell'incidente a Fukushima e delle decisioni degli altri paesi Europei. Il sottosegretario però ha risposto dicendo che «la tragedia immane in atto in Giappone non sia connessa con le scelte per il nucleare, ma si tratta di una catastrofe inimmaginabile con conseguenze imprevedibili». Inoltre «dei 55 reattori nucleari presenti in Giappone, 11 sono stati bloccati secondo le procedure di sicurezza; solo 4 reattori stanno attraversando una fase critica e di questi 4 solo un reattore ha registrato il mancato funzionamento dei sistemi di raffreddamento». Dunque, secondo Saglia, sarebbe «inopportuna una modifica da parte del Governo delle decisioni già assunte sul piano energetico sull'onda emotiva degli eventi catastrofici del Giappone». Rispetto alle decisioni degli altri Paesi europei, Saglia ha sottolineato «come la Germania si è limitata a decidere una moratoria sul prolungamento delle centrali nucleari dello stesso modello di quello entrato in crisi in Giappone». Saglia ritiene che «anche qualora ci si trovasse di fronte ad un escalation dell'emergenza nucleare, sarebbe sbagliato tornare indietro ed interrompere l'attuazione del programma energetico del Governo». «Altra questione - ha osservato - è invece la necessità di un maggior coordinamento delle Autorità nazionali di sicurezza che, anche alla luce delle decisioni del Consiglio dell'Unione europea convocato per il prossimo lunedì 21 marzo, dovrà riguardare anche la fissazione di requisiti di sicurezza degli impianti europei». Infine Saglia ha ribadito «come non si potranno realizzare le centrali nucleari nelle regioni che si esprimeranno negativamente sulla localizzazione degli impianti nel loro territorio e che il programma energetico nucleare non potrà essere realizzato in assenza di una totale condivisione delle comunità territoriali coinvolte».

UE: LUNEDI' CONSIGLIO STRAORDINARIO Lunedì prossimo a Bruxelles si svolgerà una riunione straordinaria del Consiglio dei ministri dell'Energia Ue. Lo si è appreso da fonti della presidenza di turno ungherese dell'Ue. L'evolversi della situazione in Giappone, ma anche il clima di incertezza creatosi in Paesi produttori di petrolio in Nord Africa e Medio Oriente ha spinto l'Ue a convocare a Bruxelles i ministri responsabili del settore per fare il punto sulle iniziative da prendere. Sempre in tema di emergenza energetica, oggi è intervenuto anche il presidente di turno del G20, Nicolas Sarkozy, chiedendo una riunione straordinaria per discutere delle opzioni sul tappeto alla luce di quanto sta accadendo negli impianti nucleari giappone
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da bilquis il Mer 16 Mar 2011, 21:37

Politica & Palazzo | di Valeria Gandus

16 marzo 2011

No al parlamento dei nominati, i cittadini ricorrono alla Corte costituzionale

Al tribunale di Milano oggi si è svolta l'udienza per una causa molto importante: quella intentata da un gruppo di persone contro la Presidenza del Consiglio e il ministero dell’Interno per rivendicare l'incostituzionalità dell'attuale legge elettorale

Una cinquantina di persone ha stazionato oggi nel corridoio dell’aula della Prima Sezione del Tribunale di Milano, dove si teneva l’udienza conclusiva di una causa molto importante: quella intentata da un gruppo di cittadini contro la Presidenza del Consiglio e il Ministero dell’Interno per rivendicare il proprio diritto a esercitarne compiutamente un altro: quello di voto. Un diritto che trova origine nella Costituzione e che i ricorrenti lamentano essere gravemente leso a causa della legge n.270 del 21.12.2005, meglio nota come legge “porcellum”.

L’udienza avrebbe dovuto essere aperta a pubblico, ma le persone erano troppe per entrare nella piccola aula, così, seppure a malincuore, i ricorrenti hanno preferito che si svolgesse a porte chiuse piuttosto che venisse rimandata a data da destinarsi in un’aula più capiente.

Ci si aspettava una sentenza rapida: di rigetto del ricorso o di sospensione del giudizio con remissione alla Corte Costituzionale. Il giudice unico della Prima sezione, dottoressa Baccolini, si è presa invece del tempo, trattenendo la causa in decisione. Si prevede un’attesa di almeno una decina di giorni.

La materia, ancorché discussa in punta di diritto, è incandescente: non per niente viene rimpallata da due anni di giudice in giudice, senza che si arrivi a stabilire se questa legge elettorale che stabilisce un premio di maggioranza abnorme e prevede candidati imposti direttamente dai partiti, sia legittima. O se, come sostengono i ricorrenti, viola gravemente il diritto dei cittadini italiani a scegliere liberamente i propri rappresentati in Parlamento.

L’avvocato Aldo Bozzi (nipote dell’omonimo parlamentare che partecipò alla Costituente), il primo a ricorrere contro la legge fin dal 2008, alla vigilia delle elezioni dalle quali uscì il secondo (brevissimo) governo Prodi, contesta non solo la legittimità giuridica della legge ma anche i suoi effetti politici, totalmente contrastanti con le motivazioni addotte da chi la firmò e la votò, e cioè favorire la formazione di governi più stabili. “Da quando è in vigore il porcellum”, i governi non sono stati mai così tormentati e instabili” dice. “Ed è ovvio il motivo: i parlamentari non sono degli eletti ma dei nominati, e rispondono non al popolo ma a chi li ha messi in lista”. Con quel che ne consegue: ricatti, promesse, compravendite di deputati da parte dei partiti in grado di garantire la rielezione. Basta vedere i guai che sta passando in questo momento Berlusconi con il rimpasto di Governo, dove deve trovare spazio ai nominati (eletti) della parte avversa senza scontentare i propri.

Il ricorso sul quale deve pronunciarsi il giudice riguarda gli articoli della Costituzione che disciplinano l’esercizio del diritto di voto. Un diritto che “non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge”, (art. 48) e che deve essere “diretto e uguale” (art. 56): non vi devono cioè essere intermediazioni tra il corpo elettorale (il singolo elettore) e i suoi rappresentanti (gli eletti). E deve essere esercitato in uguali condizioni da tutti i partecipanti, sia attivi (gli elettori), sia passivi (i candidati). “La nuova disciplina sottrae invece del tutto all’elettore la potestà di esprimere il proprio voto di preferenza per i candidati compresi nella lista votata” – dice Bozzi – e lede il principio di uguaglianza istituendo due coefficienti, uno per la maggioranza uno per la minoranza, con un effetto paradossale: per ottenere un seggio, alla minoranza servono più voti che alla maggioranza. Una disuguaglianza che aumenta enormemente con il premio di maggioranza senza quorum (per ottenerlo basta un voto in più) che attribuisce ai vincitori il 55 per cento dei seggi del Parlamento”.

Una maggioranza così formata è in grado aggiudicarsi un potere quasi assoluto, perché con i suoi voti controlla l’elezione del presidente del Consiglio, del presidente della Repubblica, la nomina dei giudici della Corte Costituzionale e dei componenti del Consiglio Superiore della Magistratura. “Questa legge elettorale garantisce l’autoriproduzione infinita e l’intangibilità assoluta della Casta”, conclude Bozzi.

Il ricorso, firmato da altri avvocati e giuristi, è molto complesso, ma la risposta che dovrà dare il giudice è relativamente semplice. Potrà respingerlo o sospendere il giudizio rimettendo il quesito alla Corte Costituzionale. Nel primo caso non tutto è perduto, perché un analogo ricorso pende presso la Corte Europea di Giustizia. Nel secondo caso si darebbe finalmente modo alla Corte Costituzionale di pronunciarsi sul famigerato “porcellum”.

http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=30c15265c70c41b5
bilquis
bilquis
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 2914
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Sixth Saint John

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Mer 16 Mar 2011, 23:33

anch'io voglio qualcosa tricolore in firma e vorrei anche togliere le stelle di Natale
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Gio 17 Mar 2011, 01:12

Pregano. Non riescono a fare più nulla.

C'è stato uno sprofondamento con inquinamento delle acque. Una nube radioattiva imponente si dirige verso le parti più abitate.


sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da Gaufre il Gio 17 Mar 2011, 12:22

Gaufre
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Gio 17 Mar 2011, 14:34

misericordia.
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Gio 17 Mar 2011, 14:37

http://www.agi.it/estero/notizie/201103171431-ipp-rt10142-nucleare_incidente_in_centrale_canada_contaminato_lago_ontarioNUCLEARE: INCIDENTE IN CENTRALE CANADA, CONTAMINATO LAGO ONTARIO
14:31 17 MAR 2011

(AGI) - Montreal, 17 mar. - Migliaia di litri di acqua radioattiva sono finiti nel lago Ontario, in Canada, a causa di un incidente in un impianto nucleare. Secondo la societa' che gestisce la centrale atomica, l'Ontario Power, gli effetti per l'ambiente sono "trascurabili" e l'incidente non avra' "implicazioni" per la salute umana. La societa', proprieta' del governo provinciale dell'Ontario, ha riferito che nel lago sono stati riversati 73mila litri di acqua radioattiva. La centrale nucleare di Pickering, una delle cinque in Canada, e' situata a 25 chilometri da Toronto, la citta' piu' popolosa del Paese con 2,6 milioni di abitanti. La fuga di materiale radioattivo, provocato da un difetto nella guarnizione della pompa, e' stata fermata non appena individuata . "Da un punto di vista normativo, si tratta di un evento a un livello (di pericolosita') molto basso: non c'e' alcuna consequenza sulla qualita' dell'acqua potabilita'", ha detto la societa'. Anche la Commissione canadese per la sicurezza nucleare ha definito "trascurabile" il rischio per l'ambiente e la salute umana.
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Gio 17 Mar 2011, 14:42

ma dove caspita sta questa sicurezza! Anche lo shuttle sarebbe stato sicuro ma è esploso.
Solo che l'ì c'era un rischioa ccettato da chi lo correva. persone che in nome del progresso e per l'umanità hynno scelto il rischio, che rispetto al beneficio per loro conviene.Con le centrali che inevitabilmente non possono essere sicure si distrugge il mondo. La bilancia costi-benefici pende dalla parte sbagliatissima.
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Gio 17 Mar 2011, 14:46

sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da timotipo il Gio 17 Mar 2011, 14:57


Che immagini agghiaccianti, quanta sofferenza e distruzione.
timotipo
timotipo
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1042
Data d'iscrizione : 10.10.10
Località : iRoma

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da bellaprincipessa il Gio 17 Mar 2011, 15:14

ho avuto notizie sia da mio zia che dalla mia amica keiko...
a tokyo stanno tutti bene ma c'é grande tensione.
Mio zio non vuole partire e lasciare la madre e la famiglia là...
mia zia ha offerto di ospitarli tutti in Italia per un po' mà la madre anziana non vuole lasciare il giappone...
mio zio dovrebbe rientrare martedi' (cosi' era previsto), ma mia zia non é sicura che lo farà.
Ho proposto alla mia amica keiko di venire qui da me ma anche lei non vuole partire.
A Tokyo li rassicurano molto (ovviamente) e si sentono tutti molto fortunati, rispetto a quello che é succeso nel nord...

voilà, queste le mie personalissime news!
bellaprincipessa
bellaprincipessa
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 14839
Data d'iscrizione : 05.10.09
Località : Roquebrune Cap-Martin (Costa Azzurra)

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da sophia il Gio 17 Mar 2011, 23:58

Grazie Bellaprincipessa.
Li rassicurano peccato che gli americani insistono a pensarla diversamente. D'altra parte che devono fare, una città come Tokyo come diavolo si fa ad evacuarla triste
sophia
sophia
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5342
Data d'iscrizione : 12.03.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da bilquis il Ven 18 Mar 2011, 00:03

Libia, sì dell'Onu alla no fly zone
Parigi: "Blitz militare nella notte"

Via libera delle Nazioni Unite
ai raid, in cinque si astengono.
E Gheddafi bombarda Bengasi

Con 10 voti a favore, 5 astenuti (Russia, Cina, Brasile, India e Germania) e nessun voto contrario il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato la risoluzione che autorizza l’imposizione di una no-fly zone sulla Libia «con tutti i mezzi a disposizione», incluso il ricorso all’uso della forza.

L'avanzata sul terreno di Gheddafi ha spinto quindi la diplomazia internazionale ad accelerare i tempi: il Consiglio di Sicurezza ha di fatto autorizzato un intervento militare in Libia. La bozza prevde che siano adottate «tutte le misure necessarie» per proteggere i civili in Libia, esclusa l’occupazione. «Raid aerei mirati contro le posizioni dell’esercito del regime libico di Gheddafi potrebbero avvenire già questa notte», hanno spiegato fonti della diplomazia francese

In un discorso rivolto in particolare agli abitanti di Bengasi, la roccaforte dei rivoltosi nella Cirenaica, Gheddafi ha annunciato che la sua aviazione attaccherà stanotte: «Preparatevi, stiamo arrivando» ha detto il Colonnello, in un messaggio audio diffuso dalla tv libica. Gheddafi ha lanciato l'ultimo appello: «Chi consegnerà le armi e si darà alla fuga non dovrà temere - ha dichiarato - non sarà perseguito». A Bengasi però gli insorti hanno promesso battaglia e subito dopo il via libera dell'Onu all'intervento militare sono scesi in strada per festeggiare con canti e grida di giubilo.

Il Ministero della Difesa libico ha minacciato di attaccare il traffico aereo e marittimo sul Mediterraneo in caso di intervento militare estero nel Paese: «Ogni operazione militare estera contro la Libia metterà a rischio tutto il traffico aereo e marittimo nel Mediterraneo, e ogni mezzo mobile civile o militare sarà obbiettivo di una controffensiva libica», ha dichiarato un portavoce del ministero della Difesa di Tripoli, citato dalla Jana. Secondo la tv di Stato, l'esercito e i miliziani avrebbero ormai riconquistato Misurata e sarebbero ormai giunti alle porte del capoluogo della Cirenaica anche via terra. L'aeroporto di Zuwaytinah, 150 chilometri a sud di Bengasi, è stato bombardato in mattinata dall'aviazione militare del rais come raccontato dall'emittente Al Jazeera. Il braccio armato dell'opposizione del 17 febbraio ha smentito che vi siano combattimenti nei pressi della città, affermando di aver abbattuto un caccia nel corso di un tentativo di bombardamento.

Gli ultimi sviluppi accorciano comunque il respiro della diplomazia, come ha sintetizzato il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen: «Prima l'Onu riuscirà a raggiungere un accordo sulla Libia meglio sarà», aveva scritto sulla sua pagina Facebook poche ore prima del voto alle Nazioni Unite. E in ogni caso l'Alleanza è «pronta ad agire per proteggere la popolazione civile dagli attacchi del regime». Anche gli Stati Uniti, dopo le titubanze delle ultime settimane, si sono schierati apertamente a favore della messa in sicurezza dello spazio aereo. «Vogliamo convincere il Consiglio di Sicurezza ad autorizzare diverse azioni» contro il regime di Gheddafi, ha detto il segretario di Stato Usa Hillary Clinton in visita a Tunisi, «compresa l'imposizione di una no fly zone». Nell'ultima versione della bozza in discussione all'Onu è previsto il «divieto di sorvolo per tutti i voli» nello spazio aereo libico. Stando al testo di cui la France Presse ha ottenuto una copia, la protezione internazionale dovrebbe essere estesa anche al capoluogo della Cirenaica e i paesi arabi saranno chiamati a «collaborare» all'applicazione della no fly zone. Fonti diplomatiche hanno suggerito all'agenzia di stampa francese che, con il via libera del palazzo di Vetro, potrebbero partire in nottata anche raid aerei mirati contro le postazioni militari del colonnello.

http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=19e1526d79e9793f
bilquis
bilquis
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 2914
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Sixth Saint John

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da seunanotte il Ven 18 Mar 2011, 12:55

http://caderno.josesaramago.org/2009/06/08/a-coisa-berlusconi/

Questo articolo, con questo stesso titolo, è stato pubblicato ieri sul quotidiano spagnolo “El País”, che me lo aveva espressamente commissionato. Considerando che in questo blog ho lasciato alcuni commenti sulle prodezze del primo ministro italiano, sarebbe strano non mettere anche qui questo testo. In futuro ce ne saranno sicuramente altri, visto che Berlusconi non rinuncerà a quello che è e a quello che fa. Né lo farò anch’io.

La Cosa Berlusconi

Non trovo altro nome con cui chiamarlo. Una cosa pericolosamente simile a un essere umano, una cosa che dà feste, organizza orge e comanda in un paese chiamato Italia. Questa cosa, questa malattia, questo virus minaccia di essere la causa della morte morale del paese di Verdi se un profondo rigurgito non dovesse strapparlo dalla coscienza degli italiani prima che il veleno finisca per corrodergli le vene distruggendo il cuore di una delle più ricche culture europee. I valori fondanti dell’umana convivenza vengono calpestati ogni giorno dalle viscide zampe della cosa Berlusconi che, tra i suoi vari talenti, possiede anche la funambolica abilità di abusare delle parole, stravolgendone l’intenzione e il significato, come nel caso del Polo della Libertà, nome del partito attraverso cui ha raggiunto il potere. L’ho chiamato delinquente e di questo non mi pento. Per ragioni di carattere semantico e sociale che altri potranno spiegare meglio di me, il termine delinquente in Italia possiede una carica più negativa che in qualsiasi altra lingua parlata in Europa. È stato per rendere in modo chiaro ed efficace quello che penso della cosa Berlusconi che ho utilizzato il termine nell’accezione che la lingua di Dante gli ha attribuito nel corso del tempo, nonostante mi sembri molto improbabile che Dante l’abbia mai utilizzato. Delinquenza, nel mio portoghese, significa, in accordo con i dizionari e la pratica quotidiana della comunicazione, “atto di commettere delitti, disobbedire alle leggi o a dettami morali”. La definizione calza senza fare una piega alla cosa Belusconi, a tal punto che sembra essere più la sua seconda pelle che qualcosa che si indossa per l’occasione. È da tanti anni che la cosa Belusconi commette crimini di variabile ma sempre dimostrata gravità. Al di là di questo, non solo ha disobbedito alle leggi ma, peggio ancora, se ne è costruite altre su misura per salvaguardare i suoi interessi pubblici e privati, di politico, imprenditore e accompagnatore di minorenni, per quanto riguarda i dettami morali invece, non vale neanche la pena parlarne, tutti sanno in Italia e nel mondo che la cosa Belusconi è oramai da molto tempo caduto nella più assoluta abiezione. Questo è il primo ministro italiano, questa è la cosa che il popolo italiano ha eletto due volte affinché gli potesse servire da modello, questo è il cammino verso la rovina a cui stanno trascinando i valori di libertà e dignità di cui erano pregne la musica di Verdi e le gesta di Garibaldi, coloro che fecero dell’Italia del secolo XIX, durante la lotta per l’unità, una guida spirituale per l’Europa e gli europei. È questo che la cosa Berlusconi vuole buttare nel sacco dell’immondizia della Storia. Gli italiani glielo permetteranno?
seunanotte
seunanotte
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 4048
Data d'iscrizione : 05.02.10

Torna in alto Andare in basso

G.A.S.Fo.M. Empty Re: G.A.S.Fo.M.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 40 1, 2, 3 ... 20 ... 40  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum