Noi e la parola scritta

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da amaranta il Mar 29 Dic 2009, 21:43

Questa è una poesia scritta da mio figlio

Ti amo

La semplicità di due parole
che vicine ai tuoi occhi
riempiono il mio cuore...

Come un bellissimo fiore
quel flebile rumore,
colora d'amore
tutte le mie ore...

Non sarà più lo stesso,
non faremo più sesso,
da adesso solo con il cuore
riusciremo a fare l'amore...

Gii12
avatar
amaranta
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1189
Data d'iscrizione : 27.12.09
Località : Romagna mia...

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da willywonka2009 il Mer 30 Dic 2009, 21:51

Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t'amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l'ombra e l'anima.

T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.

T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti

che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.

pianto2
avatar
willywonka2009
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 2838
Data d'iscrizione : 01.10.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da fear-of-the-dark il Mer 06 Gen 2010, 14:20

Prendo in prestito le parole di vinicio capossela dal suo libro " Non si muore tutte le mattine".
augurandomi che l'acqua che scorre venga a farmi compagnia....
"E' la vita questo movimento....questo smottamento.
La vita che scorre per chi è nella corrente e deperisce nelle scabbie delle acque chiuse. E se anche non ci investe, scorre comunque da un'altra parte.
Niente più mi lascia al mio posto, niente mi lascia in pace, nè la città, nè la campagna, nè la piana ipermercata che si spinge fino al bordo delle strade di pietra dove mi sono venuto a rinchiudere.
Fuori la città lavora ai fianchi, a fracasso. Brucia, impreca e consuma. La terra intera abbracciata dai nastri asfaltati, arginata dalla costruzione, surriscaldata, generante,divorata, esplode nelle notti selvatiche, nell'oscurità fumigante, nei maremoti, si divincola e scuote come può. La si sente da fuori accanirsi come un crogiolo primordiale, pervasa da musiche che cicalano richiamandosi l'un l'altra. Io intatno rimango qui dentro, aggrappato come dietro un masso, uno scoglio d'esilio....al riparo dalla piena, dell'arteria viva della vita.
Se è solo nell'acqua limpida che ti puoi specchiare, allora guariscimi. Dio della quantità, dall'affanno e da me!
Dammene da godere della Quantità incommensurabile, ma non ingolfarmi, non farmi perdere niente, nel frastuono, nel ristagno, non farmi incasellare i giorni in quelle formette da dolci, giacchè nessun giorno è una vaschetta. E' uno sfiato...
Danne ancora al mio cuore... il mio cuore! E' morto mille volte almeno, il mio cuore. Ha vissuto addirittura morendo, covando la morte in sè, se l'è tenuta attaccata, ben stretta, senza distinguerla, ed è morto mille volte al giorno. E' la vita... ma è certo, non si muore tutte le mattine, si muore una volta sola."
avatar
fear-of-the-dark
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 12575
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Melly88 il Mer 06 Gen 2010, 15:56

Violatrix ha scritto:
ubik ha scritto: salvate il bassistaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Nu. Lui non c'entra. Questa poesia l'ho scritta per un altro (sempre bassista). Ci ho la fissa...

Ma nessuno scrive poesie qui?

io scrivo fiumi di parole quasi ogni giorno.... ho almeno tre blog sparsi per l'etere...

condivido con voi un pensiero buttato giù nell'ultimo periodo pre-Natalizio...
giusto un pensiero in libertà
occhiolino

Caffè illeggibili,
caffè bevuti in macchina di corsa,
elisir d'amore rilegato in copertina marrone...
...Ricordi.
Seduta a un
caffè
unico compagno quel libro dei Beatles
che nessuno ti regalerà mai
ti accorgi di quanto faccia paura la bellezza della solitudine.
Poi torni a casa e per la strada
uomini che camminano a rallentatore,
macchine bianche e antenne nere
a diventare orologi appesi
al muro della città.
Chiudo gli occhi
e queste urla non mi colpiscono.
Mano sul cuore...
Sleep pretty darling do not cry,
and I will sing a lullaby.
Ci arriveremo a quei sogni.
Lo so.

Melly88
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 516
Data d'iscrizione : 05.12.09
Località : Palermo

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Melly88 il Mer 06 Gen 2010, 15:58

willywonka2009 ha scritto:Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t'amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l'ombra e l'anima.

T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.

T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti

che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.

pianto2

Questa è bellissima

Melly88
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 516
Data d'iscrizione : 05.12.09
Località : Palermo

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da fear-of-the-dark il Ven 08 Gen 2010, 12:23

L'ora del tè

Pesanti , ottusi e vecchi. Stanchi. Incedere lento di passi. Passi spessi. Passi spesso per questa strada. Quando fa caldo. Ma oggi la pioggia ti ride in faccia. Fermo sull’uscio di casa. Tempo. Maledetto temporale. Attendi. Una risposta dall’alto. Il telefono squilla. Non è per te. E’ l’ora del tè.

Matilde guarda il fumo d’infuso. Ha visto nel vapore tre cani e un re. Il suo re. Quello che una volta era il principe. Azzurro. Adesso si accontenterebbe di un verde. Re verde. Te verde. Scotta. Soffia. Sorseggia.

Giorgia fuori aspetta il tramonto. E’ notte già da un po’. Non importa , aspetterà. La pazienza è una virtù diceva sua madre. Oggi non c’è . Non ci sarà più. E’ buio già da un po’. Una persiana si abbassa. Il ragazzo del marciapiede opposto scompare. Scompare il sole. Giorgia guarda in su. Poi in giù. Libertà.

Odore di bagnato e ruggine. Odore di prigione. Giorgia lo sa, Matilde la guarda e tutti aspettano il fato. La fata di una è la strega dell’altra. Fermo alla porta aspetti che cessi il delirio del tempo. Tempesta e vento che portan via cappelli, che rovinano gli ombrelli.

Matilde nel fondo del tè delle cinque ha trovato un’ideale. Il compagno ideale. Fumoso e grigio. Giorgia ha trovato un davanzale. Fa male. La tua porta ti si è chiusa alle spalle. Il vento, maledettissimo vento.

Odore di biscotti che nessuno mangerà. Odore di burro. Dolore di acqua. Muro d’acqua e non vedi attraverso. Perverso ciò che pensi del di là. Dell’al di là.

Sfumati i pensieri da te , Matilde posa la tazza. Pensa che Giorgia sia pazza, ma anche stavolta non lo dirà.

Compare una luna nel nero. Giorgia crede sia l’altra metà. Soffia nel cielo. Non cade, ma smette di piovere. Ride.

Hai perso una luna da tè. Ma puoi ancora rientrare. Se solo qualcuno trovasse la chiave.

Porta chiusa. Resterai sulle scale. Bagnate. Ieri principe oggi davanzale. Che strano sarebbe bastato poter attraversare. Soffi anche tu : “ Che luna però …”.



....
avatar
fear-of-the-dark
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 12575
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da bellaprincipessa il Ven 08 Gen 2010, 12:27

fear-of-the-dark ha scritto: L'ora del tè

Pesanti , ottusi e vecchi. Stanchi. Incedere lento di passi. Passi spessi. Passi spesso per questa strada. Quando fa caldo. Ma oggi la pioggia ti ride in faccia. Fermo sull’uscio di casa. Tempo. Maledetto temporale. Attendi. Una risposta dall’alto. Il telefono squilla. Non è per te. E’ l’ora del tè.

Matilde guarda il fumo d’infuso. Ha visto nel vapore tre cani e un re. Il suo re. Quello che una volta era il principe. Azzurro. Adesso si accontenterebbe di un verde. Re verde. Te verde. Scotta. Soffia. Sorseggia.

Giorgia fuori aspetta il tramonto. E’ notte già da un po’. Non importa , aspetterà. La pazienza è una virtù diceva sua madre. Oggi non c’è . Non ci sarà più. E’ buio già da un po’. Una persiana si abbassa. Il ragazzo del marciapiede opposto scompare. Scompare il sole. Giorgia guarda in su. Poi in giù. Libertà.

Odore di bagnato e ruggine. Odore di prigione. Giorgia lo sa, Matilde la guarda e tutti aspettano il fato. La fata di una è la strega dell’altra. Fermo alla porta aspetti che cessi il delirio del tempo. Tempesta e vento che portan via cappelli, che rovinano gli ombrelli.

Matilde nel fondo del tè delle cinque ha trovato un’ideale. Il compagno ideale. Fumoso e grigio. Giorgia ha trovato un davanzale. Fa male. La tua porta ti si è chiusa alle spalle. Il vento, maledettissimo vento.

Odore di biscotti che nessuno mangerà. Odore di burro. Dolore di acqua. Muro d’acqua e non vedi attraverso. Perverso ciò che pensi del di là. Dell’al di là.

Sfumati i pensieri da te , Matilde posa la tazza. Pensa che Giorgia sia pazza, ma anche stavolta non lo dirà.

Compare una luna nel nero. Giorgia crede sia l’altra metà. Soffia nel cielo. Non cade, ma smette di piovere. Ride.

Hai perso una luna da tè. Ma puoi ancora rientrare. Se solo qualcuno trovasse la chiave.

Porta chiusa. Resterai sulle scale. Bagnate. Ieri principe oggi davanzale. Che strano sarebbe bastato poter attraversare. Soffi anche tu : “ Che luna però …”.



....


avatar
bellaprincipessa
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 14761
Data d'iscrizione : 05.10.09
Località : Roquebrune Cap-Martin (Costa Azzurra)

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da willywonka2009 il Ven 08 Gen 2010, 22:09

Melly88 ha scritto:
willywonka2009 ha scritto:Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t'amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l'ombra e l'anima.

T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.

T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti

che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.

pianto2

Questa è bellissima

Pablo Neruda cuoricino
avatar
willywonka2009
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 2838
Data d'iscrizione : 01.10.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Ospite il Mer 13 Gen 2010, 00:10

a colui che non è venuto

io t'aspettavo fin dal giorno in cui
di fiorire m'accorsi all'improvviso,
primula di marzo. e venne uno, con viso
dolce. ma io mi dissi: "non è lui".

pioggia e sol, spine e rose, fieno e paglia
m'apportarono gli anni. anche l'amore.
non te!...qualcun ti assomigliò, che il cuore
aggrovigliar mi seppe in gemmea maglia:

ed io mi persi a capofitto, giù,
col desiderio folle d'annientarmi
tra forti braccia che potean spezzarmi
come la creta. - ma non eri tu - .

così, polvere e cenere divenne
ciò ch'io toccai. seccarono le polle,
avvizzirono i tralci e le corolle,
e morte, in vita, in suo poter mi tenne.

tu, nato troppo presto o troppo tardi,
per me creato ed a me occulto, solo
perch'io son sola, indifferente al volo
degli anni, se nel tuo deserto guardi!...

tu, che m'avresti avuta come il mare
ha l'onda, uguale a te ma in te perduta,
e nel dominio avvolgitor veduta
a somiglianza tua trasfigurare!...

non venisti, non vieni, non t'attendo
più. domani morrò. la vita ha fretta,
non vedi?... appena schiusa, appena detta
una parola, fugge, impallidendo,

quasi colpita da terror... - ma forse
di là, nell'ombra ove uno spirito tocca
l'altro in silenzio, io troverò la bocca
che solo in sogno la mia bocca morse.


ada negri, 1904

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da anny_skod il Mer 13 Gen 2010, 00:20

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr'occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

da Satura:Eugenio Montale
avatar
anny_skod
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 20.11.09
Località : avellino

https://www.youtube.com/aliquandos     - www.myspace.com/aliquand

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Violatrix il Mer 13 Gen 2010, 03:02

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga,
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere d’incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo
né nell’irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l’anima non te li mette contro.
Devi augurarti che la strada sia lunga.
Che i mattini d’estate siano tanti
quando nei porti – finalmente, e che con gioia
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche profumi
penetranti d’ogni sorta, più profumi
inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.
Sempre devi avere in mente Itaca
raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull’isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada,
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos’altro ti aspetti?
E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.

(Itaca - Konstantinos Kavafis)

_________________________________
Se vuoi perdere la fede diventa amico di un prete.
(G. I. Gurdjieff)
avatar
Violatrix
Fondatrice
Fondatrice

Messaggi : 12554
Data d'iscrizione : 22.09.09
Località : Große Kuchen

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Bess il Mer 13 Gen 2010, 16:31

Violatrix ha scritto:Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga,
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere d’incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo
né nell’irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l’anima non te li mette contro.
Devi augurarti che la strada sia lunga.
Che i mattini d’estate siano tanti
quando nei porti – finalmente, e che con gioia
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche profumi
penetranti d’ogni sorta, più profumi
inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.
Sempre devi avere in mente Itaca
raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull’isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada,
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos’altro ti aspetti?
E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.

(Itaca - Konstantinos Kavafis)


grande Kavafis! è sempre bello rileggere Itaca , come anche "Per quanto sta in te"


E se non puoi la vita che desideri
cerca almeno questo
per quanto sta in te: non sciuparla
nel troppo commercio con la gente
con troppe parole in un viavai frenetico.
Non sciuparla portandola in giro
in balìa del quotidiano
gioco balordo degli incontri
e degli inviti,
fino a farne una stucchevole estranea.
avatar
Bess
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 08.01.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Melly88 il Mer 13 Gen 2010, 16:32

Bess ha scritto:

E se non puoi la vita che desideri
cerca almeno questo
per quanto sta in te: non sciuparla
nel troppo commercio con la gente
con troppe parole in un viavai frenetico.
Non sciuparla portandola in giro
in balìa del quotidiano
gioco balordo degli incontri
e degli inviti,
fino a farne una stucchevole estranea.

grazie... queste parole mi ci volevano sorriso

Melly88
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 516
Data d'iscrizione : 05.12.09
Località : Palermo

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Rosa il Mer 13 Gen 2010, 16:37

Grazie per Itaca anche se è ormai è legata ad un ricordo molto triste della mia vita!
avatar
Rosa
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 16.12.09
Località : Provincia di Roma abbastanza vicina a Ronciglione

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Bess il Mer 13 Gen 2010, 16:39

Melly88 ha scritto:
Bess ha scritto:

E se non puoi la vita che desideri
cerca almeno questo
per quanto sta in te: non sciuparla
nel troppo commercio con la gente
con troppe parole in un viavai frenetico.
Non sciuparla portandola in giro
in balìa del quotidiano
gioco balordo degli incontri
e degli inviti,
fino a farne una stucchevole estranea.

grazie... queste parole mi ci volevano

... sono contenta che sia arrivata a destinazione subito....
avatar
Bess
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 08.01.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Bess il Sab 16 Gen 2010, 17:44

avatar
Bess
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 08.01.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da fear-of-the-dark il Lun 18 Gen 2010, 21:57

Possiamo dire all infinito che l'intelletto umano è senza forza a paragone della vita pulsionale e in ciò avere ragione. Ma c' è qualcosa di particolare in questa debolezza: la voce dell'intelletto è fioca ma non trova pace finchè non trova ascolto(.....). Questo è uno dei pochi punti su cui si può essere ottimisti per l' avvenire dell umanità."

Sigmund Freud
avatar
fear-of-the-dark
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 12575
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da fear-of-the-dark il Mer 03 Feb 2010, 02:15

Stefano Benni- Prima o poi l'amore arriva


A un passaggio a livello
lontano dal mondo
un giorno d'agosto assolato
un capostazione annoiato
vide a un finestrino
di un accelerato
una signora bruna
e più non lavorò passava
a guardare la luna
e i treni si scontravano
ma lui non li sentiva
prima o poi l'amore arriva

C'era un bancario
così serio, così serio
che non rideva mai fuori orario
ma un giorno allo sportello
arrivò un giovanotto
indubbiamente bello
aveva un assegno da un milione
della Banca Popolare
e disse sorridendo
"me lo puoi cambiare?"
e lui cambiò l'assegno e la sua vita intera
quella stessa sera
rubò la cassa e scappò via
via con lui a Bahia
e la gente parlava
ma chi la sentiva
e ballavano insieme
una samba giuliva
prima o poi l'amore arriva


C'era un politico
ladro e indifferente
non voleva bene a niente
neanche agli amici democristiani
neanche ai bambini
neanche a Fanfani
solo un pochino
lui si eccitava
se Nuccio Fava lo intervistava
ma a una seduta
molto affollata
vide una splendida deputata
le disse "amore
dimmi di sì"
e lei "non posso
son del Pci"
e perse la testa
e come un ossesso
urlava "amore non è
un problema
c'è il compromesso"
e Fanfani strillava
ma nessuno sentiva
e nel transatlantico
un sussurro saliva
e Andreotti dichiarò
alla stampa sportiva:
prima o poi l'amore arriva

C'era un bagnino
che non sapeva nuotare
ma era raccomandato
da uno zio piessì deputato
stava lì sulla spiaggia
di Gabicce Mare
a pensare, a pensare
perchè neanche la rana
riusciva a imparare
ma una bella tedesca
dai capelli biondi
urlò "aiuto annego
entro trenta secondi"
e lui come un cefalo
si tuffò nel mare
perchè in amore bisogna
saper galleggiare
la riportò a riva
e lei aprì gli occhi
e disse "mio eroe,
mio tritone, son viva"
e la spiaggia in coro:
prima o poi l'amore arriva

E c'era un barbone
senza abitazione
aveva solo la televisione
mangiava le ghiande
come i maiali
però teneva novanta canali
ma una notte d'inverno
che nevicava
e Corrado in pelliccia
da Gstaad presentava
sentì che di freddo
e di stenti e di affanni
era ormai arrivato
alla fine dei programmi
ed ecco la vide
rosa e felice
e sorridente, l'annunciatrice
che gli annunciava
"i nostri programmi riprendon domani"
e urlò "sì, domani
mia splendida diva"
e il freddo e la fame
già più non sentiva
abbiamo trasmesso:
prima o poi l'amore arriva

C'era un supergenerale
di superpolizia
arrestava e sparava
per difendere, diceva,
la democrazia
se l'era rinchiusa
e portata via
ma un giorno in un blitz
in un covo sul mare
catturò una giovane
extraparlamentare
e personalmente
la volle interrogare
e alla fine lo videro
che piangeva
lei non lo voleva
e lui le diceva
"ma non senti il fascino
della divisa?"
"La divisa è un bijou"
lei rispondeva
"ma quello che fa schifo
è che ci sei dentro tu"
e lui fece tanti blitz
ma non era più lui
e non si divertiva
e ai suoi carabinieri
gridava "At-tenti
vigilare, in riga
sparategli a vista
è un'erba cattiva"
prima o poi l'amore arriva

E c'era un uomo
che voleva esser morto
perchè nella vita
tutto gli era andato storto
scornacchiato, disoccupato
mangiò sei buste di talco borato
un chilo di Vim
duemila Rim
trecento fette di sottilette
e arrivò l'ambulanza
che già delirava
e già per spacciato
l'avevano dato
ed ecco la vide
e di colpo sentì
un brivido dentro
e all'istante guarì
com'era carina, la crocerossina
che con un sorriso
diceva "riposi è ben fortunato
si è proprio salvato
stanotte ritorno
a provarle la febbre
che l'è tutto rosso
mi tolga la prego le mani di dosso"
ma quello già tutto
bruciar si sentiva
non era il febbrone
era proprio passione
e tutto il reparto
di urli riempiva
"dottore dottore
prima o poi l'amore arriva"

C'erano dei maniaci
luridi e laidi
che si eccitavano
guardando Heidi
e un giorno in un parco
dove facevano i porci
videro due gemelle
così belle, così belle
che in tre minuti finirono
le caramelle
e dissero basta
con le perversioni
si sposarono in chiesa
e per testimoni
i quattro bruti bruti di più
vestiti in cravatta
e impermeabile blu
e il prete diceva
"beato chi lascia
la vita lasciva
prima o poi l'amore arriva


e c'erano uomini con un lavoro sicuro
e donne con le case ordinate
e una piazza dove le sere d'estate
ci si sdraiava insieme ad aspettare
un attesa un qualcosa un altro aspettare
e tutte le notti
un fantasma appariva
e in tutta la piazza tuonar si sentiva
"o voi che credete che indifferenti
e rassegnati invecchierete contenti
che non c'è una bocca che vi può ferire
o una foto sul muro che non vi fa dormire
non c'è niente da fare
non si può scappare! guardate
è diero! vi guarda goloso
chissà da quanto lui vi seguiva
vi prenderà! non c'è scampo!
vi ha preso!evviva! evviva!
prima o poi l'amore arriva"
avatar
fear-of-the-dark
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 12575
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da bellaprincipessa il Mer 03 Feb 2010, 09:54

fear-of-the-dark ha scritto:Stefano Benni- Prima o poi l'amore arriva


A un passaggio a livello
lontano dal mondo
un giorno d'agosto assolato
un capostazione annoiato
vide a un finestrino
di un accelerato
una signora bruna
e più non lavorò passava
a guardare la luna
e i treni si scontravano
ma lui non li sentiva
prima o poi l'amore arriva

C'era un bancario
così serio, così serio
che non rideva mai fuori orario
ma un giorno allo sportello
arrivò un giovanotto
indubbiamente bello
aveva un assegno da un milione
della Banca Popolare
e disse sorridendo
"me lo puoi cambiare?"
e lui cambiò l'assegno e la sua vita intera
quella stessa sera
rubò la cassa e scappò via
via con lui a Bahia
e la gente parlava
ma chi la sentiva
e ballavano insieme
una samba giuliva
prima o poi l'amore arriva


C'era un politico
ladro e indifferente
non voleva bene a niente
neanche agli amici democristiani
neanche ai bambini
neanche a Fanfani
solo un pochino
lui si eccitava
se Nuccio Fava lo intervistava
ma a una seduta
molto affollata
vide una splendida deputata
le disse "amore
dimmi di sì"
e lei "non posso
son del Pci"
e perse la testa
e come un ossesso
urlava "amore non è
un problema
c'è il compromesso"
e Fanfani strillava
ma nessuno sentiva
e nel transatlantico
un sussurro saliva
e Andreotti dichiarò
alla stampa sportiva:
prima o poi l'amore arriva

C'era un bagnino
che non sapeva nuotare
ma era raccomandato
da uno zio piessì deputato
stava lì sulla spiaggia
di Gabicce Mare
a pensare, a pensare
perchè neanche la rana
riusciva a imparare
ma una bella tedesca
dai capelli biondi
urlò "aiuto annego
entro trenta secondi"
e lui come un cefalo
si tuffò nel mare
perchè in amore bisogna
saper galleggiare
la riportò a riva
e lei aprì gli occhi
e disse "mio eroe,
mio tritone, son viva"
e la spiaggia in coro:
prima o poi l'amore arriva

E c'era un barbone
senza abitazione
aveva solo la televisione
mangiava le ghiande
come i maiali
però teneva novanta canali
ma una notte d'inverno
che nevicava
e Corrado in pelliccia
da Gstaad presentava
sentì che di freddo
e di stenti e di affanni
era ormai arrivato
alla fine dei programmi
ed ecco la vide
rosa e felice
e sorridente, l'annunciatrice
che gli annunciava
"i nostri programmi riprendon domani"
e urlò "sì, domani
mia splendida diva"
e il freddo e la fame
già più non sentiva
abbiamo trasmesso:
prima o poi l'amore arriva

C'era un supergenerale
di superpolizia
arrestava e sparava
per difendere, diceva,
la democrazia
se l'era rinchiusa
e portata via
ma un giorno in un blitz
in un covo sul mare
catturò una giovane
extraparlamentare
e personalmente
la volle interrogare
e alla fine lo videro
che piangeva
lei non lo voleva
e lui le diceva
"ma non senti il fascino
della divisa?"
"La divisa è un bijou"
lei rispondeva
"ma quello che fa schifo
è che ci sei dentro tu"
e lui fece tanti blitz
ma non era più lui
e non si divertiva
e ai suoi carabinieri
gridava "At-tenti
vigilare, in riga
sparategli a vista
è un'erba cattiva"
prima o poi l'amore arriva

E c'era un uomo
che voleva esser morto
perchè nella vita
tutto gli era andato storto
scornacchiato, disoccupato
mangiò sei buste di talco borato
un chilo di Vim
duemila Rim
trecento fette di sottilette
e arrivò l'ambulanza
che già delirava
e già per spacciato
l'avevano dato
ed ecco la vide
e di colpo sentì
un brivido dentro
e all'istante guarì
com'era carina, la crocerossina
che con un sorriso
diceva "riposi è ben fortunato
si è proprio salvato
stanotte ritorno
a provarle la febbre
che l'è tutto rosso
mi tolga la prego le mani di dosso"
ma quello già tutto
bruciar si sentiva
non era il febbrone
era proprio passione
e tutto il reparto
di urli riempiva
"dottore dottore
prima o poi l'amore arriva"

C'erano dei maniaci
luridi e laidi
che si eccitavano
guardando Heidi
e un giorno in un parco
dove facevano i porci
videro due gemelle
così belle, così belle
che in tre minuti finirono
le caramelle
e dissero basta
con le perversioni
si sposarono in chiesa
e per testimoni
i quattro bruti bruti di più
vestiti in cravatta
e impermeabile blu
e il prete diceva
"beato chi lascia
la vita lasciva
prima o poi l'amore arriva


e c'erano uomini con un lavoro sicuro
e donne con le case ordinate
e una piazza dove le sere d'estate
ci si sdraiava insieme ad aspettare
un attesa un qualcosa un altro aspettare
e tutte le notti
un fantasma appariva
e in tutta la piazza tuonar si sentiva
"o voi che credete che indifferenti
e rassegnati invecchierete contenti
che non c'è una bocca che vi può ferire
o una foto sul muro che non vi fa dormire
non c'è niente da fare
non si può scappare! guardate
è diero! vi guarda goloso
chissà da quanto lui vi seguiva
vi prenderà! non c'è scampo!
vi ha preso!evviva! evviva!
prima o poi l'amore arriva"
Fantastica! non la conoscevo... molto appropriata, come sempre Fear...
avatar
bellaprincipessa
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 14761
Data d'iscrizione : 05.10.09
Località : Roquebrune Cap-Martin (Costa Azzurra)

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Bess il Mer 03 Feb 2010, 21:36

Nel frattempo i calici da vino erano stati riempiti di giallo e poi avevano brillato di cremisi; erano stati svuotati; erano stati riempiti. E così per gradi, veniva accesa - a metà lungo la spina dorsale, in un punto che è la sede dell’anima - non quella piccola e violenta luce elettrica che chiamiamo conversazione brillante quando la vediamo comparire e scomparire all’improvviso sulle nostre labbra, ma quel bagliore più profondo, impercettibile e sotterraneo, quella fiamma dal colore giallo intenso che è lo scambio razionale: senza nessun bisogno di affrettarsi. Nessun bisogno di mandare scintille. Nessun bisogno di essere altri che se stessi.

Una stanza tutta per sè - Virgina Woolf
avatar
Bess
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 08.01.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da fear-of-the-dark il Gio 04 Feb 2010, 01:08

Vivere non è difficile potendo poi rinascere
cambierei molte cose un po' di leggerezza e di stupidità.
Fingere tu riesci a fingere quando ti trovi accanto a me
mi dai sempre ragione e avrei voglia di dirti
ch' è meglio se sto solo...
Ma l' animale che mi porto dentro
non mi fa vivere felice mai
si prende tutto anche il caffè
mi rende schiavo delle mie passioni
e non si arrende mai e non sa attendere
e l' animale che mi porto dentro vuole te.
Dentro me segni di fuoco è l'acqua che li spegne
se vuoi farli bruciare tu lasciali nell' aria
oppure sulla terra.

battiato-l'animale
avatar
fear-of-the-dark
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 12575
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da bellaprincipessa il Mer 24 Feb 2010, 16:29

Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior

CATULLO (carme 85)


Ultima modifica di bellaprincipessa il Mer 24 Feb 2010, 16:53, modificato 1 volta
avatar
bellaprincipessa
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 14761
Data d'iscrizione : 05.10.09
Località : Roquebrune Cap-Martin (Costa Azzurra)

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da mambu il Mer 24 Feb 2010, 16:48

bellaprincipessa ha scritto:
Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior
CATULLO

il cane dello spazio? quello dello zecchino d'oro?
Spoiler:
se non rispetti la divisione grafica dei versi ti rimando a settembre


Ultima modifica di mambu il Mer 24 Feb 2010, 17:51, modificato 1 volta
avatar
mambu
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 11962
Data d'iscrizione : 22.09.09
Località : Brabante del Friuli

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da bellaprincipessa il Mer 24 Feb 2010, 16:52

mambu ha scritto:
bellaprincipessa ha scritto:
Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior
ORAZIO

il cane dello spazio? quello dello zecchino d'oro?
Spoiler:
se non rispetti la divisione grafica dei versi ti rimando a settembre
porca eva ho scritto orazio invece di catullo...
l'ho scritta a memoria, di getto, ci saranno pure errori...
scusa é che ero in un momento in cui mi é venuta in mente, riferita al mio matrimonio e volevo condividerla...
sono in stato confusionale, per favore prof, mi dia un'altra possibilità...
P.S., mo' correggo...
avatar
bellaprincipessa
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 14761
Data d'iscrizione : 05.10.09
Località : Roquebrune Cap-Martin (Costa Azzurra)

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da seunanotte il Mer 24 Feb 2010, 17:13

Il desiderio mi brucia
il desiderio di cose belle
che ho viste e non vissute.
Il desiderio mi brucia
ed impera ardente e solo
nel mio cuore e nel mio cervello.
Desidero tante cose
che ho viste in trasparenza
di musica fiori e profumi.
Di luci e di brusii strani
che avvicinano l'anima alla poesia.
Che è questa voce?
E' il mio violino che canta
(Strano. Eppure io non ci sono!)
E questa vertigine insolita?
E'quella che provo quando La vedo.
Tutto pare uno strano capogiro di febbre
pieno di tanti frantumi di cristallo
che scintillano e tintinnano
tintinnano,tintinnano e scintillano...
...ed in questa vertiginosa ridda
ancora la vedo,bella e quasi assente
immensamente bella
ma lontana...
...lontana
...lontana
...come la musica...
...come l'inebriante profumo...
...come le luci che ora sono
nel silenzio spente

Cesare Pavese (8 marzo 1929)
avatar
seunanotte
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 4048
Data d'iscrizione : 05.02.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Noi e la parola scritta

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum