..e al cinema vacci tu...

Pagina 2 di 40 Precedente  1, 2, 3 ... 21 ... 40  Seguente

Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da mambu il Mer 23 Dic 2009, 18:50

Un altro piccolo esempio. Il Don Giovanni di Losey, in gran parte girato nella famosa Rotonda Di Palladio, Villa Capra, alle porte di Vicenza





La scena del catalogo



facciamo il controcampo:



Curiosando ho scoperto una cosa che ignoravo: lo scenografo è Alexandre Trauner



responsabile di una serie di capolavori Guardate un po':
http://www.lpce.com/trauner/filmographie/index.html

Il porto delle nebbie, Alba tragica... e soprattutto l'Othello di Welles, che guarda casso avevo pensato come terzo, per la straordinaria invenzione scenografica, la costruzione di un'architettura fantastica usando spezzoni di architetture reali.
avatar
mambu
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 11962
Data d'iscrizione : 22.09.09
Località : Brabante del Friuli

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Ospite il Mer 23 Dic 2009, 18:51

chiav ha scritto:
duful ha scritto:azz...mambu non ti avevo riconosciuto con quel viso da pischello

Romy Schneider e Jeanne Moreau, secondo me, sono due bellissime donne. fossi un uomo perderei la testa per tipe così

diciamo che essere UOMO non è il presupposto necessario, si puo perdere tranquillamente la testa per una donna rimanendo perfettamente donna , perché darci dei limiti

hai ragione chiav
però, mentre scrivevo, pensavo a tutti quegli uomini che sbavano per maggiorate siliconate da capo a piedi...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da mambu il Mer 23 Dic 2009, 18:59

duful ha scritto:
chiav ha scritto:
duful ha scritto:azz...mambu non ti avevo riconosciuto con quel viso da pischello

Romy Schneider e Jeanne Moreau, secondo me, sono due bellissime donne. fossi un uomo perderei la testa per tipe così

diciamo che essere UOMO non è il presupposto necessario, si puo perdere tranquillamente la testa per una donna rimanendo perfettamente donna , perché darci dei limiti

hai ragione chiav
però, mentre scrivevo, pensavo a tutti quegli uomini che sbavano per maggiorate siliconate da capo a piedi...

ve l'ho già detto che non mi faccio impressionare da certe cose.
Meglio che non mi fate pensare

avatar
mambu
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 11962
Data d'iscrizione : 22.09.09
Località : Brabante del Friuli

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Gaufre il Mer 23 Dic 2009, 19:59

Visto che Mambu ha ritirato fuori il tema...
un esempio celebre di una famosa architettura protagonista di un film...
è di un grande maestro del razionalismo italiano, Libera, ed è stata usata da Godard per Il Disprezzo. Era la casa dello scrittore Curzio Malaparte.









avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Gaufre il Mer 23 Dic 2009, 20:03



Villa Scott di Fenoglio, maggiore esponente del Liberty torinese... protagonista di Profondo Rosso
avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Gaufre il Mer 23 Dic 2009, 20:08



Villa Tugendhat, Brno, del maestro Mies Van der Rohe. Usata in Hannibal Rising. La villa è un capolavoro, il film no.
avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Gaufre il Mer 23 Dic 2009, 20:26



Il Carbide & Carbon Building dei Burnham a Chicago, uno dei grattacieli più belli della città: set di una delle scene d'apertura di Wanted.
Questo gioco potrebbe continuare all'infinito... ma lascio a voi la curiosità di scoprire le architetture celebri che spesso giocano un ruolo importantissimo nei film. Lo stesso vale per il design: qualcuno ha già citato La Decima Vittima...






avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da ubik il Mer 23 Dic 2009, 20:33

non ho trovato immagini del set
avatar
ubik
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 7484
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da mambu il Mer 23 Dic 2009, 22:31

brava Gaufre, contagiaci!
Ci avevi accennato il discorso su Poelzig e il Golem di Wegener




Ero rimasto in debito di Black Cat di Ulmer. Qui c'è la trama
Spoiler:
The first cinematic teaming of horror greats Boris Karloff and Bela Lugosi is a bizarre, haunting, and relentlessly eerie film that was surprisingly morbid and perverse for its time. Peter (David Manners) and Joan Allison (Julie Bishop) are honeymooning in Budapest when they meet mysterious scientist Dr. Vitus Verdegast (Lugosi)
aboard a train. When the trio's bus from the train station gets into an
accident, the young couple accompanies Verdegast to the castle of the
spectral Hjalmar Poelzig (Karloff),
an architect and the leader of a Satanic cult. Poelzig's treachery in
World War I caused the deaths of thousands of his and Verdegast's
countrymen, as well as Verdegast's own internment as a prisoner of war.
While Verdegast was detained, Poelzig married first his wife, who later
died, then his daughter. Now Verdegast has come back for retribution,
and the honeymooners are trapped in the two men's horrifying battle of
wits. Corpses preserved in glass cases, frightening Satanic rituals,
and a climactic confrontation in which one of the characters is skinned
alive add to the film's pervasive sense of evil and doom, along with
the stark black-and-white photography by John Mescall that makes Poelzig's futuristic mountaintop mansion even more disturbing. Karloff and Lugosi are both excellent, with Lugosi doing a rare turn as a good guy, albeit one who has gone off the rails. Having little to do with the Edgar Allan Poe story of the same name, The Black Cat has grown in stature over the years and is now widely regarded as the masterpiece of director Edgar G. Ulmer and one of the finest horror films ever made.
Bel filmaccio, eh ci stanno pure gli sposini in luna di miele che arrrivano nella casa del pazzoide

Ulmer era lo scenografo del Golem e quindi aveva lavorato con Poelzig.
La vicenda si svolge in una casa ultramoderna costruita sopra un vecchio misterioso castello. Banale, direte voi, ma la resa visiva è meravigliosa.



e sotto...









un incubo espressionista, no?

Ho trovato un articoletto ben fatto sul blog di un iraniano

Ehsan Khoshbakht, Notes on Cinematograph - Architecture of the Black Cat
Spoiler:

The Black Cat (1934) was a film directed by then-unknown émigré filmmaker Edgar G. Ulmer in Universal Studios.
The
titles say the source of the picture is the Edgar Allan Poe story, but
"it is not a story you can dramatize," said Ulmer frankly. So he moves
freely with the new ideas about the plot, characters and their
relations.
An important source of inspiration
for Ulmer was a true story he had heard while working on The Golem
(1920). "Doumond was a French fortress the Germans had shelled to
pieces during World War I; there were some survivors who didn't come
out for years," explained Ulmer in a 1970 interview with Peter
Bogdanovich. "And the commander was a strange Euripides figure who went
crazy three years later, when he was brought back to Paris, because he
had walked on that mountain of bodies."
The
shooting was done in two weeks and the budget was at a third of what
the studio had spent on the other hits like Dracula (1931) or
Frankenstein (1931).
Since this was the first
screen pairing of Karloff and Lugosi, the confrontation of two horror
masters is one of the key elements of the picture that Ulmer emphasizes
it, beautifully.

A masterpiece of construction, build upon the ruins of the masterpiece of deconstruction, the masterpiece of murder.”
This
is one the most memorable lines in history of motion pictures and it
would be heard from the lips of the living example of “masterpiece of
deconstruction”, no one but Bela Lugosi, referring to the architectural
work of his enemy Poelzig, in The Black Cat.
“This
is a very interesting house you have here Poelzig, has an atmosphere,
kind of…” says the trapped guest of the house, Peter Alison, but he
couldn’t find the right words to sum up his feelings. The creeping
master of the house, Poelzig, complete him with a line that could be
read as Edgar Ulmer’s statement about the modern architecture in his
great “masterpiece of construction,” The Black Cat:
“…It is indeed hard to describe. It's as hard to describe as life, or death. It may be the atmosphere of death.”
Who is Poelzig and how a B director, like Ulmer, could present such a precise cinematic view of the modern world?
Hans
Poelzig (1869-1936) was a German architect. In the early 1920s he was a
respected professor of architecture in Berlin. His first designs show
the influence of late classicism, Gothic style, regional traditions,
art nouveau and American's new office building methods. As a member of
the avant-garde architectural society Der Ring, Poelzig played a
prominent role in the battle over the introduction of modern
architecture in the 1920s.
He designed his
masterpiece, Berlin's Große Schauspielhaus theatre interior design for
Germany's most celebrated stage director Max Reinhardt, in 1919.
Poelzig's
work developed through Expressionism and the New Objectivity in the
mid-1920s before arriving at a more conventional, economical style.
He died on 14 June 1936 shortly before his planned emigration to Turkey.
One
of the most important stages of his life was designing the vast
architectural set for the 1920 UFA film production of The Golem. In the
meantime and during the production Ulmer, a set designer, was
introduced to the master architect by working under his guidance.
Quickly Poelzig became Ulmer’s mentor, and when he found a chance to
direct his first notable film in U. S., he returned the favor by naming
the architect-villain character “Hjalmar Poelzig.”
This
film shows clearly that Ulmer, via real Poelzig, was well aware of the
Gothic art's abrupt impact on the audience/spectator, and he was a
genius in uniting this kind of imagery with the composure of modern
architecture. Most of the time there is a tense interaction between the
architecture and the way Ulmer uses his camera. The Gothic compositions
have been used as an assault to the cleanness of the modern interiors
and the simplicity of concrete walls. In opposite, the simple
compositions utilize for the most expressionistic scenes, like
near-the-end satanic ceremony. It seems like the image and architecture
are always balancing the brutality of the actions with the icy feeling
of the atmosphere.
In Black Cat a modern
building is replaced by the old Gothic castle with replete of strange
decorative things and dusty furniture. There is no sign of cobwebs,
candle sticks or creaky doors. Instead of those 19-century horror
elements we see modern furniture and a house that really belongs to the
new age. But the horrors are almost the same and the wonder is how
Ulmer turns modern spaces to another source of abomination. The
optimism of the first modern architecture movement has gone from the
images and the devilish nature of gods and monsters (a favorite
expressionist's theme) has conquered the space.
Recently
I was revisiting The Mask of Fu Manchu -another satanic role for
Karloff - and I was moved by the modern\minimalist design of the
torture chambers and the similarity between this decors and Black
Cat’s. But the work of Ulmer is more stylized in every way. He has
stylized even the most ordinary moments of the film. His compositions
are restless, and they deliver this feeling to audiences, too.
avatar
mambu
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 11962
Data d'iscrizione : 22.09.09
Località : Brabante del Friuli

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Brillianttrees il Mer 23 Dic 2009, 22:42

Dakota House








_________________________________
avatar
Brillianttrees
Suprema grafica
Suprema grafica

Messaggi : 4444
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Ospite il Gio 24 Dic 2009, 00:02

Ennis-Brown house di Wright



Sono almeno due i film che in quegli anni sfruttano come location la Ennis-Brown House (1924), uno degli edifici che Wright realizzò sulle colline di Hollywood negli anni '20: Female di Michael Curtiz (1933),e The Black Cat (1934) un film horror di Edgar G. Ulmer che sfrutta gli esterni della Ennis-Brown House per rappresentare una misteriosa e terribile villa ungherese.
Ma la posizione dell'edificio a breve distanza dagli studios di Hollywood –che lo rendono un comodo ed attrezzato set- lo porterà a comparire in decine di film fra i quali vanno ricordati almeno The House on Haunted Hill (1958) un horror girato da Wiliam Castle in cui la casa del titolo è proprio la Ennis-Brown House e Blade Runner (Rydley Scott, 1982), in cui vengono usati sia alcuni interni che l'ingresso monumentale quale atrio del (fittizio) enorme grattacielo in cui abita Harrison Ford e in cui l'edificio proprio per la sua atemporalità e visionarietà ben si presta ad entrare in gioco nella rappresentazione di un futuro prossimo caratterizzato -anche- dalle rovine della città esistente.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Ospite il Gio 24 Dic 2009, 00:14



Anche Alfred Hitchcock in North by Northwest (Intrigo Internazionale, 1959), uno dei thriller più astratti del regista inglese, utilizza un edificio dichiaratamente e volutamente wrightiano per rappresentare la lussuosa villa dell'inquietante spia internazionale Philip Vandamm (James Mason). È lo stesso Hitchcock a ricordare a Truffaut nel famoso libro-intervista che "alla fine di Intrigo Internazionale facciamo vedere il covo di James Mason, è una casa di Frank Lloyd Wright riprodotta in un modellino quando la vediamo da lontano e parzialmente ricostruita quando Cary Grant si avvicina e gira intorno ad essa" (F. Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, Pratiche Editrice, 1977). Hitchcock non è però molto preciso quando afferma che l'edificio è una casa di Frank Lloyd Wright in quanto ci troviamo in questo caso di fronte ad una casa in stile Frank Lloyd Wright. Bisogna tener presente che nel 1958, anno di produzione del film, Wright era di gran lunga il più famoso e celebrato architetto americano e che le residenze da lui progettate, prima fra tutte la Casa sulla Cascata, erano assai popolari nell'immaginario collettivo degli americani. Non potendo per motivi di budget ricorrere direttamente a Wright per il progetto -come vedremo più avanti c'era già stato, nel 1949, lo scoraggiante precedente di La Fonte Meravigliosa- Hitchcock e la produzione che volevano comunque rappresentare il massimo del lusso contemporaneo chiesero ai set designers Robert Boyle, William A. Horning, Merrill Pye, Henry Grace e Frank McKelveyr di progettare per il film una casa wrightiana cosa che, nel complesso, venne fatta abbastanza bene. L'edificio venne correttamente posizionato appena sotto la cima di una collina (e Wright, infatti, suggeriva di non progettare case sulla cima delle colline ma appena sotto la cima), le massicce parti rivestite in pietra dove la casa incontra la collina bilanciate dalle grandi vetrate panoramiche -comuni a molte realizzazioni di Wright- e lo spettacolare aggetto nel vuoto richiamavano famosi edifici wrightiani anche se, probabilmente, Wright non avrebbe approvato le grandi travi in acciaio che sorreggono lo sbalzo. Anche gli interni costruiti per il set (il soggiorno e parte della zona notte) sono realizzati con linguaggi e materiali della grammatica wrightiana quali pietra e legno mentre per l'arredo –quasi a voler sottolineare l'internazionalità del personaggio interpretato da James Mason– sono stati utilizzati moderni mobili scandinavi assieme a pezzi cinesi, statue precolombiane e tappeti greci.


Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Ospite il Gio 24 Dic 2009, 00:28

La Casa sulla cascata è il nome italiano con cui è più nota Fallingwater, o Casa Kaufmann dal nome del suo proprietario, una villa progettata e realizzata a Bear Run in Pennsylvania (Stati Uniti d'America) dall'architetto Frank Lloyd Wright e considerata uno dei capolavori dell'architettura moderna.
Quest'architettura (definita dal suo autore "architettura organica") promuove un'armonia tra l'uomo e la natura, la creazione di un nuovo sistema in equilibrio tra l'ambiente costruito e l'ambiente naturale attraverso l'integrazione dei vari elementi artificiali (costruzioni, arredi, ecc.) e naturali dell'intorno ambientale del sito. Tutti divengono parte di un unico interconnesso organismo architettonico. Wright in FallingWater adopera per raggiungere la sua architettura organica non solo i materiali del luogo, come la pietra, ma anche e soprattutto una moderna tecnologia espressiva, che nonostante la sua apparente dirompenza si integra meravigliosamente con i suoi volumi nello spazio del luogo.



Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Ospite il Gio 24 Dic 2009, 00:42

La magia neogotica evocata dagli edifici ed il notturno aspetto spettrale hanno ispirato più di una pellicola. Ricostruito fedelmente nella scenografia di “Cabiria” (Pastrone, 1914), il quartiere Coppedè ha decisamente ammaliato il regista horror Dario Argento che lo renderà la location di due tra i suoi più famosi lungometraggi: “Inferno” e “L’uccello dalle piume di cristallo”.










Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da anny_skod il Gio 24 Dic 2009, 00:45

duful ha scritto:La Casa sulla cascata è il nome italiano con cui è più nota Fallingwater, o Casa Kaufmann dal nome del suo proprietario, una villa progettata e realizzata a Bear Run in Pennsylvania (Stati Uniti d'America) dall'architetto Frank Lloyd Wright e considerata uno dei capolavori dell'architettura moderna.
Quest'architettura (definita dal suo autore "architettura organica") promuove un'armonia tra l'uomo e la natura, la creazione di un nuovo sistema in equilibrio tra l'ambiente costruito e l'ambiente naturale attraverso l'integrazione dei vari elementi artificiali (costruzioni, arredi, ecc.) e naturali dell'intorno ambientale del sito. Tutti divengono parte di un unico interconnesso organismo architettonico. Wright in FallingWater adopera per raggiungere la sua architettura organica non solo i materiali del luogo, come la pietra, ma anche e soprattutto una moderna tecnologia espressiva, che nonostante la sua apparente dirompenza si integra meravigliosamente con i suoi volumi nello spazio del luogo.



questa villa è spettacolare,...è impressionante come sia completamente immersa nella natura.
avatar
anny_skod
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 20.11.09
Località : avellino

https://www.youtube.com/aliquandos     - www.myspace.com/aliquand

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Ospite il Gio 24 Dic 2009, 00:49

è un sogno 'sta casa, Anny

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Gaufre il Gio 24 Dic 2009, 01:22

mi fa piacere che l'architettura sia oggetto di interesse... probabilmente dovremmo aprire un topic apposito per approfondire... penso che fra tutte le arti, l'architettura, pur essendo parte delle nostre vite nella realtà quotidiana, sia una disciplina poco studiata e soprattutto poco compresa (soprattutto quella contemporanea). Grazie a tutti quelli che hanno postato qualcosa!

Se le architetture reali o immaginate trovano delle corrispondenze o reciprocità nel cinema, lo stesso vale per il design. Quando parlavo di cinema e design, ho pensato subito alla Decima Vittima perché oltre ad avere una scenografia pazzesca piena di "pezzi" famosi, ha anche anticipato delle tendenze del design contemporaneo: lo scenografo Piero Poletto ha realizzato per questo film il primo mobile "pneu" (poi ripreso da molti altri, da Panton a Quasar Kahn fino ad arrivare al modello Blow perfezionato dai nostri De Pas, D'Urbino, Lomazzi e Scolari) nell'ambientazione di uno snack bar dietetico... idee che passano dal cinema al design ma anche il contrario: una poltrona come la mitica Sacco viene usata da Villaggio per creare una situazione un po' grottesca e tragicomica in Fracchia... l'oggetto ispira la creazione di una situazione o un episodio particolare.
avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Brillianttrees il Gio 24 Dic 2009, 07:43


_________________________________
avatar
Brillianttrees
Suprema grafica
Suprema grafica

Messaggi : 4444
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da mambu il Gio 24 Dic 2009, 11:22

sono d'accordo che dovremmo aprire un topic apposta. Grazie a tutti per le notizie che in gran parte ignoravo. Ne ho in mente qualcun altra ma adesso non ho ikl tempo di cercare, ma torno a usare il 3d per suggerire filme.

Se qualcuno di voi ha intenzione di sfanculare il mondo e starsene in casa godendo di qualche nutrimento estetico, oltre alle proprie giacenze cartaceee, audio e video (immagino che siamo tutti indietro con lo smaltimento) può ricorrere pure alla programmazione tivvì.
I miei suggerimenti:

Douglas Sirk, La magnifica ossessione su Iris alle 13.10. Già visto? non importa: massacriamoci ancora con questo megamélo delirante.

Satoshi Kon, Tokio Godfathers su Iris, alle 19 e qualcosa - un film di animazione non può mancare e questo è pure un anime di natale antinatalizio, ma molto sottilmente e intelligentemente. L'ispirazione è a uno dei peggiori Ford/Wayne, The Three Godfathers, che però per i mmericani è un film amatissimo

Ernst Lubitsch, Scrivimi fermo posta, su Rai3 alle 23.15 - anche questo già visto, spero, ma una buona dosa di malinconia e solitudine, di inutilità della vita trattata con leggerezza fa sempre bene. Se poi qualcuno la vede come una bella commediola che si baciano e si sposano, peggio per lui
avatar
mambu
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 11962
Data d'iscrizione : 22.09.09
Località : Brabante del Friuli

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Ospite il Gio 24 Dic 2009, 12:22

stasera c'è anche "Amarcord" di Fellini alle 23.25 su rete 4
l'avrete già visto, ma merita sempre un ulteriore occhiata

domani, Natale, da non perdere alle 15 su rai 3, "Il grande dittatore" di Chaplin.
sempre su rai 3 alle 23.50, "Ricomincio da tre" di Massimo Troisi.
su rai4 alle 0.50, "Gli uomini preferiscono le bionde" di Howard Hawks.
chicca finale, in piena notte alle 4.30 su italia 1, "La guerra lampo dei fratelli Marx" di Leo McCarey

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da lilianward il Gio 24 Dic 2009, 20:13

duful ha scritto:su rai4 alle 0.50, "Gli uomini preferiscono le bionde" di Howard Hawks.
Registratore puntate
Siete liberi di darmi della superficiale
avatar
lilianward
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 3173
Data d'iscrizione : 06.10.09
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da anny_skod il Gio 24 Dic 2009, 20:25

duful ha scritto:stasera c'è anche "Amarcord" di Fellini alle 23.25 su rete 4
l'avrete già visto, ma merita sempre un ulteriore occhiata

domani, Natale, da non perdere alle 15 su rai 3, "Il grande dittatore" di Chaplin.
sempre su rai 3 alle 23.50, "Ricomincio da tre" di Massimo Troisi.
su rai4 alle 0.50, "Gli uomini preferiscono le bionde" di Howard Hawks.
chicca finale, in piena notte alle 4.30 su italia 1, "La guerra lampo dei fratelli Marx" di Leo McCarey

sono indecisa tra Amarcord e il grande dittatore..di ricomincio da tre conosco le battute a memoria
avatar
anny_skod
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 20.11.09
Località : avellino

https://www.youtube.com/aliquandos     - www.myspace.com/aliquand

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da mambu il Gio 24 Dic 2009, 22:58

anny_skod ha scritto:
duful ha scritto:stasera c'è anche "Amarcord" di Fellini alle 23.25 su rete 4
l'avrete già visto, ma merita sempre un ulteriore occhiata

domani, Natale, da non perdere alle 15 su rai 3, "Il grande dittatore" di Chaplin.
sempre su rai 3 alle 23.50, "Ricomincio da tre" di Massimo Troisi.
su rai4 alle 0.50, "Gli uomini preferiscono le bionde" di Howard Hawks.
chicca finale, in piena notte alle 4.30 su italia 1, "La guerra lampo dei fratelli Marx" di Leo McCarey

sono indecisa tra Amarcord e il grande dittatore..di ricomincio da tre conosco le battute a memoria

dopo il brodo di cappone ci vuole la zuppa d'anatra... quindi vai di registratore coi fratelli Marx
avatar
mambu
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 11962
Data d'iscrizione : 22.09.09
Località : Brabante del Friuli

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da piedonex il Sab 26 Dic 2009, 14:28

dopo aver mangiato come uin porcello per il secondo giorno, mi preparo per vedere Brothers.
spero di non disturbare gli altri russando...
l'unica cosa che può tenermi sveglio è...

avatar
piedonex
Admin Piedonex
Admin Piedonex

Messaggi : 23904
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Lombardia

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da anny_skod il Sab 26 Dic 2009, 17:03

su Iris Mediaset dalle nove di stamattina stanno mandando solo film di Hitchcock...meraviglioso
avatar
anny_skod
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 20.11.09
Località : avellino

https://www.youtube.com/aliquandos     - www.myspace.com/aliquand

Torna in alto Andare in basso

Re: ..e al cinema vacci tu...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 40 Precedente  1, 2, 3 ... 21 ... 40  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum