diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da G.Kaplan il Gio 09 Feb 2012, 11:29

Ma poi, quanta superficialità c'è in appellativi come "sfigati", "bamboccioni", "mammoni"... quanta?!
Io rimango allibita!
Io rimango allibita dal disprezzo che emanano questi vocaboli usciti da bocche di rappresentanti dello STATO!
Disprezzo verso i cittadini, i giovani cittadini...
Se qualcuno osasse venirmi a dare della bambocciona per il semplice dato di vivere a trent'anni con mia madre, non solo mi offenderei ma m'incazzerei abbestia... perché questa persona forse non sa che non avere bisogno di nessuno non significa che nessuno abbia bisogno di te.
Io dall'età di 19 anni sono indipendente in ogni senso perché mio padre si è ammalato e morto e mia mamma per anni neanche si voleva alzare dal letto... ci siamo arrangiate, ma che dovevo fare... abbandonare la nave e farmi i cazzi miei? Non me la sono sentita..
Per questo sono bambocciona? Manco per il c.!
Quante storie così ci sono dietro ad ogni persona... come si fa a generalizzare?! Veramente, è incredibile questa classe dirigente...
Chi semina vento raccoglie tempesta!
Si preparino all'uragano diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 483101
G.Kaplan
G.Kaplan
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 2803
Data d'iscrizione : 09.04.10
Località : Zona Pacciani

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da lepidezza il Gio 09 Feb 2012, 14:07

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 430046_320575394645724_100000797990032_759832_1469040944_n
lepidezza
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da lepidezza il Gio 09 Feb 2012, 14:39

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Vignetta-Mario-Monti-sadomaso
lepidezza
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da lepidezza il Mer 15 Feb 2012, 13:32

Capossela in concerto per gli operai sulla torre

Vinicio Capossela è tornato a visitare i lavoratori di Servirail, ex Wagon Lits, licenziati dopo i tagli sui treni notte. A loro ha dedicato un concerto sul diritto al lavoro sabato notte al binario 21 della stazione centrale di Milano dove, da due mesi, gli ex dipendenti manifestano. Tra i promotori dell'evento E - Il mensile di Emergency, C6.tv e RealLife Television

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 201538064-185dca93-22c1-4e42-8bd8-89ee38fb9d33
La serenata sottozero di Vinicio
agli operai sulla torre in Centrale

Rigatoni alla carbonara e un’ora e mezza di musica firmata Capossela
perché "ci state insegnando che bisogna lottare per ciò che ci è tolto"

Un concerto sottozero, ma forse è più giusto definirlo una serenata. Ecco a voi Vinicio Capossela al binario 21, che non è il nome di un locale ma una piattaforma vicina alla torre dove Oliviero sta dall’8 dicembre e Stanislao da undici giorni. Ci sono molte cose che colpiscono. La prima è il freddo. Quando Vinicio inizia a cantare, siamo a meno 4. Il freddo dimezza i musicisti. «Dovevano arrivare in due dall’Emilia ma hanno soppresso i treni. Peccato, ci tenevo alla celesta, in una notte così». Chitarra e tastiere lui, chitarra Alessandro Stefana detto Asso. È arrivato in treno da Brescia, in treno ripartirà dopo la mezzanotte. L’altoparlante annuncia arrivi, partenze, molti ritardi.

La voce arriva smorzata, siamo un bel po’ oltre le cinque arcate che fanno (farebbero) della Centrale una stazione a braccia aperte, un po’ come la Gare de Lyon. I Frecciarossa viaggiano sui tappeti rossi dei binari centrali, qui vicino passano quelli che fermano spesso, e sarà l’ora ma sembrano stanchi anche loro, come la gente che trasportano. Qualcuno fischia in segno di saluto
e di appoggio ai due sulla torre, agli altri accampati sotto, nelle tende, o radunati davanti alla brace, nei vecchi bidoni. È vietato anche fischiare, pena sospensione di giorni cinque dal lavoro (pieno Medioevo, forse peggio). Cinque come le lettere di sospensione già partite.

Anche i nomi colpiscono: Oliviero e Stanislao, e Vinicio sotto. Nomi vecchi, nella loro nobiltà. Oliviero abita nel Piacentino, a Ponte sull’Olio. Stanislao a Voghera. Vinicio è nato ad Hannover con radici irpine ed è stato un po’ dappertutto, anche su tanti treni di notte, forse non sempre provvisto di biglietto. E ringrazia quelli che lo ringraziano. «Grazie a voi, ci state facendo capire che prima di migliorare quel che abbiamo dobbiamo lottare per quello che ci hanno tolto».

Prima del concerto-serenata si mangia qualcosa sotto un angolo riparato da teli di plastica. Rigatoni alla carbonara, nella cucina da campo Michele garantisce una cottura perfetta. Due fette di salame, formaggio, dolci di carnevale. Il guaio è che il piatto caldo diventa subito freddo. Il caldo si trova nelle parole e nei gesti. Agli anziani tornano in mente le veglie per il Vietnam in piazza Duomo, pessimo panettone e vino gelido nei bicchieri di carta, la differenza è che là c’erano migliaia di persone e qui, al massimo, 40. Ma doveva essere così, per motivi di sicurezza. Lo spazio sulla piattaforma è ridottissimo, arrivassero tanti fan di Vinicio salterebbe tutto. A concerto iniziato arriva Carlo Feltrinelli e fa in tempo a godersi una bella traduzione di «When the ship comes in» di Bob Dylan. La nave, per Dylan, è la giustizia, puntualizza Capossela. Applausi. Arrivano anche due poliziotti con atteggiamento amichevole. È tutto regolare. Si fermano ad ascoltare.

Lo si dice forse troppo spesso, ma qualcosa di magico c’è. Fatico ad azionare l’accendino e non capisco come facciano quei due a suonare. Non sento più i piedi. Vinicio è arrivato con un berretto da battelliere del Volga, una giacca lunga che forse è un cappotto corto e un paio di guanti grigi. Che taglia con una forbice all’altezza della seconda falange. Non canta canzoni a caso, ha preparato una scaletta apposta, di canzoni sul lavoro. Attacca con una di Enzo Del Re, continua con due di Matteo Salvatore, poi Dylan, poi una storia stile Bocca di rosa, «Franceschina la calitrana», allegra e piena di doppi sensi («è del 1870, stavano costruendo la ferrovia»). Poi alcune delle sue, per scaldarsi servirebbe «Il ballo di San Vito» però mancano gli strumenti.

Allora, 'Il treno', da anni nel cassetto e mai cantata in pubblico, un regalo, 'Ultimo amore' (applausi anche dalla torre, già ai primi accordi). E infine la traduzione da Tom Waits, 'Letterina di Natale di una prostituta di Minneapolis', di una bellezza assoluta e tagliente. Poi accompagna in mi minore il suo amico Vincenzo Costantino detto Cinasky, compagno di libri e litri, che recita due poesie in tinta con la serata diventata notte, termometro a –7, grappa di Sforzato e di Cannonau. Fa male mescolarle? E chi se ne frega, tanto si sapeva che non andavamo da Maxim’s.

Altro che atto di presenza, Vinicio ha cantato per quasi un’ora e mezza e non so quanti ci sarebbero riusciti, in queste condizioni. Dalla torre salutano e chiudono i teli, a dormire si arrampicano più in su. «Siamo tutti sulla torre» è il coro scandito da sotto. Ci sono in due, ma ci sono per tutti i cittadini che non possono permettersi il Frecciarossa. Non è solo contro i licenziamenti che si battono, ma per il ripristino dei treni di notte, che hanno unito l’Italia. Non ha fatto grandi discorsi Capossela. Ha colpito al cuore.

(13 febbraio 2012)
qui il video
http://video.repubblica.it/edizione/milano/capossela-in-concerto-per-gli-operai-sulla-torre/87940/86333
lepidezza
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da lepidezza il Gio 16 Feb 2012, 11:41

ieri il tiggì ha detto che forse forse l'ici sugli immobili commerciali del vaticano si pagherà..
hai visto dal cilindro che conglio ha tirato fuori il mago Monti? sì sì!

dov'è il trucco?
lepidezza
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da nonhol'età il Gio 16 Feb 2012, 16:48

Bé è quello che ha portato a casa insieme alla benedizione, quando è andato in Vaticano cucu
Io so, per esempio, che molti conventi a Roma ospitano a pagamento turisti e pellegrini ed anche alcuni luoghi di ritiro spirituale si fanno pagare profumatamente......questi come vengono considerati? perchè in effetti sono sempre assimilabili a luoghi di culto.
Cmq quest'oggi sono felice perchè ho saputo che anche mia mamma a 90 anni, contribuisce al risanamento del deficit italiano: all'INPS mi hanno spiegato che dal primo gennaio 2012 lei prende 30 euro in meno sulla pensione di reversibilità (650 euro) perchè sono aumentate nell'ordine: Irpef, tassa comunale, tassa regionale.
Vogliamo dire "dura lex sed lex"?

Aspetto ansiosamente di sapere quali benefici mio figlio trarrà da questo sacrificio di sua nonna chissà
nonhol'età
nonhol'età
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5120
Data d'iscrizione : 14.02.10

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da lepidezza il Gio 16 Feb 2012, 16:56

risate
aspetta che il mago silvan tira fuori un'altro coniglio..
tu intanto gustati la pregistiliz :neve: azione!



Ultima modifica di lepidezza il Gio 16 Feb 2012, 17:02, modificato 1 volta
lepidezza
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da nonhol'età il Gio 16 Feb 2012, 16:59

il prossimo coniglio lo faccio in salmì con la polenta diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 475446
nonhol'età
nonhol'età
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5120
Data d'iscrizione : 14.02.10

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da nonhol'età il Mar 28 Feb 2012, 14:03

Ho visto alcune sera fa un servizio giornalistico sui lavoratori cinesi della Foxconn, l'azienda cinese che assembla parti elettroniche per I-phone e I-pad.
Devo dire che non mi sono molto meravigliata, conoscendo bene le condizioni disumane del lavoro in quel paese: una mia amica con il marito si sono trasferiti a Shenzen dopo aver venduto ai cinesi la loro azienda di manici di ombrelli di prima qualità usati dalle griffes più famose della moda e con le macchine hanno venduto anche il know how e quindi se stessi come insegnanti. Hanno resistito 8 mesi e i loro racconti di vita vissuta erano devastanti, dagli operai che dormivano in otto in celle da 3X2mt., su assi di legno fissate con catene al muro una sopra l'altra, la catena di montaggio era costituita da tavoli di legno per il lavoro manuale e invece le macchine più piccole erano appoggiate a terra e ci lavoravano in ginocchio. Tutto per 12ore al giorno e mezza giornata di riposo la settimana che i derelitti passavano all'ufficio postale in coda per mandare i soldi a casa. Ogni mattina, fuori dal cancello della ditta, c'erano file di disoccupati silenziosi con in mano un sacchetto di plastica con un cambio d'abito, sapone, asciugamano, spazzolino e dentifricio in attesa che si aprissero i cancelli e venissero buttati fuori quelli che non venivano più dichiarati idonei. Per le donne invece la cosa era un po' diversa, perchè avevano anche la scelta, per rimanere, di giacere la sera con il capo di turno. Tutto questo nel 1997 non 50 anni fa.
Qui sotto il video di un'intervista a una lavoratrice cinese della Foxconn che meravigliata guarda il prodotto finito del suo lavoro che però lei non aveva mai visto e dichiara di volersene comprare uno appena avrà i soldi cioè mai, perchè la cosa terribile è che apple induce con la sua pubblicità martellante in Cina, il desiderio di possedere un I-pad come status symbol e quindi per ottenerlo i giovani arrivano, come un ragazzo di 17anni, a vendere un rene per acquistarlo.



Il video che cercavo però non è questo, quello che dico io mostrava i dormitori dei dipendenti foxconn e le reti sotto le finestre per impedire i suicidi. Ringrazio anticipatamente chi lo dovesse trovare e postare Grazie
nonhol'età
nonhol'età
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5120
Data d'iscrizione : 14.02.10

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da Brina78 il Mer 29 Feb 2012, 11:34

Mamma, nonhol'età, quando leggo testimonianze come la tua non riesco più a pensare a nient'altro per tutta la giornata. Sembra fantascienza, sembra che l'umanità sia compartata in mondi così lontani da non appartenersi. Quando ascolto un racconto di orrore reale, sto male, non solo perchè istintivamente visualizzo quel degrado, ma soprattutto perchè mi sento inevitabilmente impotente a cambiare di una virgola quello stato.
Brina78
Brina78
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 21.11.09

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da fear-of-the-dark il Mer 29 Feb 2012, 13:24

sconcertante.... ...
fear-of-the-dark
fear-of-the-dark
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 12575
Data d'iscrizione : 30.09.09

Torna in alto Andare in basso

diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile? - Pagina 4 Empty Re: diritti e lavoro - il ritorno agli inizi del '900 è possibile?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum